Skip to content

Acquisto del progetto

7 gennaio 2010

Fino all’Olanda a comprare una Giulietta? Eeeeesatto!


Ovvero, perché mai non cercarle in Italia? Beh semplice: perché qui da noi le richieste sono decisamente sopra le righe; perché da un paio d’anni a questa parte, con l’euro alle stelle gli operatori del settore si sono rivolti in massa agli USA, seguiti a stretto giro da un esercito di importatori improvvisati, speculatori del rottame promettente e semplici avventurieri. E tutti, giustamente, cercano di fare gruzzolo.

Eppure, a voler seguire i tortuosi itinerari di rimpatrio delle nostre “Giuliettas”, colpisce ancor di più il fatto che, a quanto pare, si fanno buoni affari anche importando dall’Europa. Chi non ha i contatti giusti in America o semplicemente preferisce evitare le beghe che l’acquisto oltreoceano comporta (leggi l’iva, le tasse e i balzelli nonché le spese di trasporto e movimentazione portuaria), trova non troppo lontano da casa commercianti onesti che, lavorando su grossi quantitativi, possono permettersi di offrire esemplari da restauro a prezzi concorrenziali su scala globale, i quali diventano, una volta traghettati in Italia, concorrenziali su scala provinciale: in altre parole, ghiotte occasioni di guadagno per chi li ri-vende qui da noi, ma sonore fregature per gli sprovveduti acquirenti della periferia dell’impero.

Come sono arrivato a Stolze? Per caso, navigando. E ho tenuto d’occhio il sito per più di un anno. E sempre navigando in rete ho incominciato a notare inserzioni come questa:

2

Humm non male… il signore di Barbariga ha anche “la possibilità di consegnare la vettura restaurata”.  Intanto però esplora la possibilità di consegnarla nemeno spolverata. Chi sa quanto vuole per il lavoro di restauro, se per le spese di consegna qui in Italia a occhio e croce se ne becca un 5mila. Mah, nonostante tutto però devo dire che ispira una certa fiducia: se non altro dev’essere un tipo parsimonioso insomma, visto che si è anche risparmiato lo scatto per l’inserzione prendendo direttamente le foto dal sito di Stolze.

Come queste, potrei segnalarvene altre dieci. Ma mi fermo qui perché in fondo trovo odioso fare i conti in tasca alla gente. I miei li faccio però: ecco perché vado direttamente alla fonte 😉

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: