Skip to content

Pulizie di primavera

10 luglio 2011

… e altri lavoretti, eseguiti prima di partire per il Cernobbio alla fine di maggio. Come anticipato in quella occasione, da qualche mese la nostra piccola officina è completamente sottosopra causa ristrutturazione, fatta in economia ma abbastanza radicale: pavimentazione, tinteggiatura, impianti (siamo passati alla trifase :)) etc. Quindi abbiamo messo da parte i lavori grossi per mancanza di spazio e ci siamo rincantucciati in un angolo a fare, intanto, qualche piccolo, sporco lavoretto.

Rimandando l’imprimatura ad meliora: troppa polvere in giro. Per evitare che nel frattempo si riformasse la ruggine, abbiamo riposto ogni pezzo pulito in contenitore ermetico e buttato dentro una spugnetta anticorrosiva Cortec 101 della Envirem (alla riapertura vi dirò com’è andata).

Sospensione e direzione, che erano rimaste indietro, sono state smontate e abbiamo incominciato a ripulire i singoli organi, che come vedete tormano a brillare pronti per la verniciatura.

Ripuliti e in questo caso anche imprimati (vi devo la foto) il bordo cruscotto e il meccanismo leva acceleratore. Smontato e per ora basta, il gruppo riscaldamento, che oltre al disturbo del restauro in futuro non avrà gran che da fare (la Coppa d’oro delle Dolomiti la lasciamo a piloti più coraggiosi, dotati e facoltosi 🙂 ).

E altre cosucce di cui dirò semmai più avanti. Ma soprattutto abbiamo smontato completamente il motore, che a settembre va in rettifica.

Della maggior parte di questi lavori abbiamo sequenze filmate: una volta finiti monterò il tutto e ci saranno anche i video 😉

Annunci
7 commenti leave one →
  1. Carlo permalink
    5 settembre 2011 10:20 pm

    Ciao Alejandro,

    ti chiedo aiuto perchè penso che tu possa chiarirmi un dubbio: mi risulta che alcuni particolari della Giulietta, ad esempio la staffa che tiene il tubo flessibile delle ruote anteriori lato disco portaceppi, non fossero verniciati. A te risulta fossero zincati? Penso che un trattamento ce l’avessero, mai più erano lamiera nuda. Però non sono sicuro che negli anni ’60 la zincatura elettrolitica bianca esistesse già.

    Ti ringrazio in anticipo per l’ aiuto.

    Carlo

  2. 6 settembre 2011 11:53 am

    Ciao Carlo
    Benvenuto.

    Credo di aver capito a quale staffa ti riferisci… dovrebbe essere la n° 70 nel diagramma, che regge il flessibile:
    Diagramma sospensione anteriore

    Beh, ti posso assicurare che lì di zincato non c’era nulla (anche se ti capiterà di vedere restauri ‘brillantati’ che ne fanno uso). La minuteria in quell’area era rifinita all’ossido di ferro (black oxide in inglese, empavonado in spagnolo), che si ottiene con un bagno a temperatura controllata in acido solforico o soda caustica mescolati a ossidanti e stabilizzanti (da non provare a casa :D). Sul conto della staffa in particolare però non ne sono al 100% sicuro. Questa finizione ha il vantaggio di offrire una (debole) protezione contro la corrossione ma in compenso non apporta spessore significativo, per cui è (era) indicata per bulloni, dadi etc. Su di una staffa non ne vedo la ratio: potrebbe essere stata trattata allo stesso modo ma anche verniciata.

    Esaminerò più da vicino le mie e farò qualche indagine, perché anche io, prima o poi, mi troverò a dover decidere 🙂

    • Carlo permalink
      6 settembre 2011 9:52 pm

      Ciao Alejandro,

      grazie per la risposta. Penso che per rifinitura all’ ossido di ferro tu intenda brunitura, dico bene? Sul fatto che le viti della Giulietta fossero brunite, non penso ci siano dubbi. Però, ci sono tutta una serie di particolari: ad esempio la staffa che ti dicevo sopra (sì è la 70) oppure anche i tappi dei mozzi ruota, ma ce ne sono altri (se vuoi te li posso elencare tutti), che, a mio parere, non erano veniciati in nero opaco in origine. Tu sei sicuro che fossero bruniti? Me lo puoi confermare? Eppure non mi pare di avere trovato tracce di brunitura su di essi (mentre sulle viti sì, ci sono tracce di brunitura).

      Grazie per il prezioso aiuto.

      Carlo

  3. 7 settembre 2011 7:52 pm

    Brunitura certo. Mi mancava il giapponese, l’uzbeco e l’italiano 😀

    Cosa ti conferno? No no, anzi intendevo dire che mi sarebbe sembrato strano che fossero brunite come la bulloneria, e infatti non lo sono. Sono verniciate:
    Staffe cavo freni avantreno
    L’ho scattata nel pomeriggio. Sono due staffe che ho preso tempo fa assieme ad altri ricambi e me ne ero quasi dimenticato. Le mie, molto arrugginite, dopo un bagno in evapo e successiva spazzolata non hanno conservato traccia, ma qui la vernice si vede.
    Secondo me anche gli altri pezzi sono verniciati (il n° 48 p.e. lo è). Se ti va di fare l’elenco vai pure, poi gli si fa il ritratto 😉

    • Carlo permalink
      12 settembre 2011 10:28 pm

      Ciao Alejandro,

      procedo con l’ elenco, avrei voluto inserire una immagine a chiarimento, ma non sono in grado, ie quindi inserisco le tavole e figure del catalogo parti di ricambio:
      1) tirante di collegamento laterale (tavola 95, tiranti e leve dello sterzo, figura n. 23)
      2) fascetta fissaggio tiranti laterali (tavola 95, tiranti e leve dello sterzo, figura n. 22)
      3) staffa supporto borsa lavavetri VDO (non c’è sul catalogo)
      4) squadretta sostegno paratia (tavola 77, cilindretti apriceppi e pompa …, figura n. 43a)
      5) leva comando freno a mano (tavola 77, cilindretti apriceppi e pompa …, figura n. 3)
      6) tappo per mozzi ruote (tavola 78, freni e ruote anteriori, figura n. 6)
      7) contenitore bandella (tavola 87, sospensione posteriore, fig. n. 43)
      8) spessore tra tampone e bandella (tavola 87, sospensione posteriore, fig. n. 43)
      9) piastrina per bulloni fissaggio bandelle (tavola 87, sospensione posteriore, fig. n. 39 e 41
      10) pompa freni, leve dello sterzo, supporto leva rinvio sterzo, scatola guida

      Per quanto riguarda 1), mi sarei quasi convinto che è verniciato nero nella parte centrale e non è verniciato (e qui non so però che trattamento: cadmiato, brunito, nessun trattamento?) nelle parti laterali dove va a stringerlo la fascetta. Per gli altri, da 2) a 9) proprio non saprei, non ho trovato tracce di verniciatura, bruniti non mi sembrano, saranno cadmiati? Alla 10) ho messo diversi pezzi che penso siano tutti verniciati neri, solo per conferma.

      Ne approfitto per chiederti un’ altra cosa: tu hai idea di come siano fatti (o di dove si possano trovare) i parapolvere della pedaliera (tavola 84, pedali comando frizione e freni, fig. n.41, 42 e 43?)

      Grazie come sempre

      Carlo

      • 13 settembre 2011 7:12 am

        Appena ho un attimo ci faccio un post e inserisco le immagini 😉

  4. carlo Tossi permalink
    13 settembre 2011 12:16 pm

    benissimo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: