Skip to content

L’esploso di Lopane ad Autoclassica

23 febbraio 2012

La catasta delle fiere, Novegro e Rho impilate l’una sull’altra lo stesso weekend. Ma alla prima si va per le moto, ad Autoclassica ci sono andato per le auto, sicuro che, se non altro, me ne sarei riempito gli occhi. Chi cercava invece ricambistica, quasi assente in questa prima edizione, è rimasto a bocca asciutta. L’esordio comunque promette più che bene: tantissime le auto, belle, bellissime, rare e impossibili, un concorso di eleganza, il Trofeo del Trentennale della Scuderia del Portello, l’anteprima della RM Auctions, insomma un esordio in grande stile. Presto il video.

Intanto vi racconto di un incontro ravvicinato del terzo tipo, quello con il maestro Alfredo Lopane e le sue creazioni.

Da lontano scorgo qualcosa che ha tutto l’aspetto di un esploso da manuale materializzatosi dal nulla. Mi avvicino e cosa vedo? Appunto, l’esploso di una giulietta spider materializzatosi dal nulla! Caspita che idea! Un esploso VERO! Certo, intanto i parafanghi, anteriore e posteriore e un frontale completo di scatole ventilazione e convogliatori.

Scatole ventilazione? Convogliatori? Mannaggia, Biondi le ha quasi pronte ed ecco che mi spunta un altro concorrente :mrgreen: Le conosco bene sapete, perché a suo tempo le ho fatte… beh loro due le han fatte meglio, e ci mancherebbe! Mi ci rassegno in un nanosecondo e passo ai raggi X il resto: sagomature perfette, saldature a cannello ossiacetilenico come le faceva mamma Alfa. Perfetti, di quei lamierati che ti senti una canaglia a darci il primer.

Non saprei dirvi quante volte ho visitato il loro sito alla ricerca di qualche pezzo mancante per il mio puzzle, di quelli che non fa nemmeno Biondi e io semplicemente non ci arrivo (vedi il parafango, che ho preso invece dal perfido Hannibal), salvo poi tirarmi indietro, mal consigliato da una galleria di auto da sogno e l’annesso pregiudizio di richieste per tasche senza fondo. E invece no. C’è poco da fare: chi esprime eccellenza ed onestà nei propri prodotti difficilmente si smentisce sulla fattura.

Tornando a casa, in autogrill mi cade l’occhio sull’ultimo numero di Gentelman collector. Lo sfoglio distratto ma a pagina 116 ho un improvviso dejà vu:

Dov’è che ho visto quel frontale? Però però quel volto non mi è nuovo… Si vede che era destino.

“Solutions for Collectible Items” è lo slogan. Beh io qualche problemino ce l’avrei… Forse è il caso di fare un salto a Cormano, magari prima della prossima Autoclassica 😉

Advertisements
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: