Skip to content

La rettifica giusta

12 luglio 2012

Trovatela e il mondo cambia colore. Io ci sono dentro grazie a Marco Mancini della Mitospider, al quale ho affidato il mio motore: è la Gubbini di Foligno, sulla piazza da tre generazioni: come dire, dalle stalle alle stelle in appena 100 km 🙂

 

Proprio così. Mal consigliato, mi ero affidato a un’officina locale, in cui al primo problemino (prigionieri da sostutuire) si vaneggiava già di scenari a tinte fosche, spese da nababbo e via dicendo. Senza contare poi la “disponibilità” degli operatori, pressoché inesistente, della serie ‘ti sto facendo un piacere, prego chiedere appuntamento’. Eppure, prima di gettare la spugna, qualcosa hanno combinato, compresa una serie di vistose cazzate.

Sì, “cazzata” è qui termine tecnico, impiegato con precisione lessicale inopinabile (guardate il video) da Stefano della Gubbini alla vista delle bronzine di biella che mi avevano montato, rimosse all’istante. Come chiamare altrimenti quelle bucce di cipolla in grado di resisitere sì e no 5 minuti al minimo? Irregolari poi, 3 decime nel punto più sottile e il doppio dalla parte opposta.

Prima. Seconda cazzata: albero motore controllato male, dato per buono e dunque solo lucidato: invece andava rettificato: fatto. Terza: limatura di uno dei cappellotti di banco… vattalappesca perché. E taccio della più grossa, sovrana cazzata per cui a momenti ci rimettevo il monoblocco, solo perché non ho la piena certezza che il problema dipendesse da una lavorazione recente o datata. Sta di fatto che è acqua passata: il monoblocco 00049 ora è salvo e in ottime mani.

Castronerie a parte insomma, tutto ciò che nella prima officina sembrava difficile, complicato, inarrivabile, alla Gubbini è stato risolto in scioltezza nel giro di una settimana: il basamento, che a sentire quelli era quasi da buttare, al punto che si parlava di applicarci non so quale piastra, è apparso invece in buone condizioni, sicché è bastato un po’ di mastice per appianare le porosità.

I prigionieri poi… l’ostacolo insormontabile! Beh rieccoli: erano in magazzino e ora sono di nuovo al loro posto. E via dicendo, oramai in discesa 😀

Per chiudere, poiché sbagliando s’impara ecco qualche suggerimento per la scelta dell’officina cui affidare il vostro prezioso bialbero (se poi avete avuto esperienze analoghe saprete aggiungere altri):

  1. verificate sempre di prima mano i consigli ricevuti, visitando le officine e parlando con gli operatori: se un meccanico, per quanto bravo, ha poco tempo da dedicarvi (intendo anche per discutere con voi le problematiche specifiche del caso vostro, spiegandovi in dettaglio come intende procedere) probabilmente avrà ancora meno tempo da dedicare alla lavorazione vera e propria, aumentando di conseguenza le probabilità di combinare, come si è visto, piccole e grosse cazzate.
  2. Escludete ogni officina che non abbia alle spalle una consolidata esperienza maturata sui motori d’epoca, meglio ancora, ovviamente, se Alfa Romeo.
  3. Verificate che dietro alla vostra officina ci sia una rete, il più estesa possibile, di maestranze specializzate nelle varie lavorazioni richieste, dalla rettifica alle saldature difficili, dalla riproduzione di organi meccanici al reperimento di calendari con fighe da urlo :mrgreen:

A parte le battute, se solo uno di questi punti manca all’appello, lasciate perdere e continuate a cercare: ci guadagnerete almeno quanto ci ho rimesso io per non averci pensato prima

4 commenti leave one →
  1. spider permalink
    16 luglio 2012 4:53 pm

    Ma dovevi almeno sfogliare le pagine dela calendario! eh ehe he

    Al punto 2 io escluderei a priori anche chi non ha dimestichezza con i motori alfa romeo, anche se restaura jaguar a occhi chiusi.

    Aggiungerei il punto 4: giudicare un’officina (e in particolare un addetto) dai risultati, quindi provando con mano (meglio dire col piede) su strada se un motore va o non va (cronometro alla mano). E poi ricordarsi sempre a fine opera, prima di rimontare, la prova cv al banco, e cercare sempre di superare il rodaggio entro 24 mesi dalla fattura…

    • 17 luglio 2012 12:40 pm

      Ottimi consigli, grazie: per la fase 2, quando il bialbero tornerà a farsi sentire.

      Proprio ieri dall’officina rettifica mi dicevano che il motore è quasi pronto. Peccato, mi sa che mi perdo Miss Agosto :mrgreen:

  2. stefano permalink
    8 settembre 2013 9:43 pm

    ciao. mi sa che anche a me è successo di inanellare una serie di cazzate, contatterò la rettiifica che suggerite. grazie. stefano

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: