Skip to content

Automotoretrò 2014

12 febbraio 2014

Automotoretrò non l’avevo mai vista: ne valeva la pena solo per visitare il Lingotto; ma è stato un fine settimana piuttosto movimentato, da Tezze a Milano e poi a Torino, per cui alla fine mi sono ridotto a uno spichio di pomeriggio e non sono riuscito a vederla tutta. Comunque ecco il video: 10 minuti fra i padiglioni più ghiotti.

 

In primo piano la 300 SL ali di gabbiano e le sue 60 candeline. Tanto di cappello ma, come vedete, giusto per cambiare io mi sono fermato alle solite giuliette, più precisamente sul lato B della Giulietta: al momento non riesco a pensare ad altro😀 E sì, perché è proprio sul lato B che Domenico sta lavorando in queste settimane; fra qualche giorno le foto.

La scocca III serie nel fermo immagine invece è attualmente sotto i ferri presso l’officina di Paolo Bergia. Finalmente ho conosciuto il lattoniere che lavora con lui (inquadrato a 7.58), autore dell’ottimo frontale di cui ho seguito la posa in opera a luglio dell’anno scorso. Ci siamo fermati a parlare, mi ha mostrato alcuni dei suoi lamierati, gli ho raccontato di quando gli abbiamo allungato la vita: ci siamo fatti quattro risate. Come vedete, è in gran bella forma:mrgreen:

4 commenti leave one →
  1. CiDi permalink
    12 febbraio 2014 2:57 pm

    Ciao Ale, ti aspettavo e avevo un biglietto in più…
    A parte le cose che hai citato questa edizione era veramente scarsa in tutti i comparti:
    Le auto di valore si contavano su una mano, ricambisti pochi e mezzo padiglione con attrezzi cinesi o gente che vendeva scarpe, modellismo in gran parte derivante da allegati riviste.
    Non vale la gita…Milano Autoclassica in due edizioni ha guadagnato lustro ma questa continua a perderne…

    • 13 febbraio 2014 10:14 am

      Concordo. Essendo la prima volta, non avendola percorsa tutta, mi sono trattenuto dal darne un giudizio, ma la mia impressione è quella: deboluccia come mostra. Non credo mi serviranno i biglietti per l’anno prossimo, comunque grazie😉

  2. Jose permalink
    13 febbraio 2014 2:23 pm

    Ciao Ale, io non sono d’accordo prima volta che la vedevo e sono rimasto molto soddisfatto, per le macchine avete ragione ne stavano poche di grande pregio (ma non cerano i grossi venditori come Luzzago, ever green…ma quelle ho visto me le sono godute), i ricambiasti a parte Bergia gli altri erano tutti della zona (io ho trovato delle cosette molto interessante come il tubo dell’acqua lavavetri NOS marchiato CAVIS e altre…),per il modellismo molto fornito quasi più di Padova (adesso da per tutto è cosi allegati da riviste la maggior parte).
    Poi non siete andati al padiglione ovale da quello che ho capito, male male, io l’ho trovata una cosa grandiosa vedere tutte queste macchine elaborate e poi gli harleysti dall’altra parte gente che fa spettacolo soltanto a guardarla e per finire quante belle gnocche…
    Da RITORNARE…..

    • 17 febbraio 2014 1:38 pm

      A parte quest’ultima cosa che hai detto🙂 beh per il resto son punti di vista. Bisogna riconosce però che siamo ad anni luce da Padova o Autoclassica.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: