Skip to content

Preparazione verniciatura

8 novembre 2014

Come anticipato un paio di settimane fa, la scocca è passata nelle di Moreno Campagnolo – degno braccio destro di Domenico – che la sta preparando per la verniciatura. Avrei voluto postare il video girato durante i lavori, ma problemi con il PC mi costringono a ripiegare su una carellata di foto. Eccole

giulietta-spider-paint-prep_34

Come sempre lo spiderino è in bella compagnia: Ferrari 400 davanti e a destra una bellissima Balilla spider Mille Miglia con qualche MM, appunto, nel suo palmares. Ma qui ci occupiamo di Alfa e al momento la più bella del reame è la mia 😀 come vedete ormai quasi pronta a tornare rossa.

giulietta-spider-paint-prep_14giulietta-spider-paint-prep_04giulietta-spider-paint-prep_05Moreno è partito dal lato B ed è risalito lungo i parafanghi posteriori per arrivare fino ai sottoporta. Tutta la parte posteriore è ormai quasi a caopolinea: liscia e lucida, richiederà soltanto un’ultima passata di carta 320.

giulietta-spider-paint-prep_23giulietta-spider-paint-prep_02giulietta-spider-paint-prep_13giulietta-spider-paint-prep_00

Detto così sembra il lavoretto di una mezza giornata; e invece… caspita non avrei mai creduto che la preparazione per la verniciatura richiedesse così tanto tempo (compresa l’attesa tra l’applicazione di un prodotto e l’altro) e fatica (si fa tutto a mano!). A proposito di prodotti, ecco il trio nella foto sotto al centro, fra altri due bei scorci del posteriore

giulietta-spider-paint-prep_32giulietta-spider-paint-prep_22giulietta-spider-paint-prep_33Insomma il procedimento è lungo e laborioso; me l’hanno spiegato per filo e per segno, compresa la sequenza di applicazione dei prodotti, ma prima di sparare castronerie (il loro modo di operare non è precisamente canonico) è meglio che mi faccio un ripassino. Quindi lasciamolo per la prossima volta, a corredo del video di Moreno al lavoro. Ecco qualche altra immagine di dettaglio

giulietta-spider-paint-prep_25giulietta-spider-paint-prep_17giulietta-spider-paint-prep_35

 

Al momento della mia ultima visita in carrozzeria si lavorava al parafango anteriore sinistro, ingrigito di tampone spia. Su quel parafango Moreno ci stette tutto il pomeriggio, e va detto che ci aveva già buttato diverse giornate di lavoro. Ebbene non è finita. Su tutta la parte anteriore, dopo la carteggiatura ci andrà il lucido (esone? esona? osama? 😕 ) e poi ancora olio di gomito.

giulietta-spider-paint-prep_06

Rieccolo… mi fa quasi pena non vedere più il frontale plasmato da Domenico a lamiera nuda. Ops fermi tutti… cos’è quello lì? Sì sì, so benissimo dove vi è caduto l’occhio: quello lì è f’kng bondo, dannatissimo stucco! E là dietro, orrore, ce n’è dell’altro: 10 grammi in tutto a voler esagerare… nessuno è perfetto 😀

giulietta-spider-paint-prep_07giulietta-spider-paint-prep_28giulietta-spider-paint-prep_21Battute a parte, il ‘pelo’ di stucco è fisiologico: gli errori sono altri e qui non li vedremo. La foto a destra ritrae uno dei punti critici su cui frana buona parte dei restauri: a occhio e croce, in 7 giuliette su 10 l’applicazione del profilo sottoporta rivela, troppo tardi, parafango e porta non perfettamente complanari: in qualche caso – e li ho visti – ci infili anche il dito. Poco ma sicuro bisogna pensarci prima, in lattonatura, e noi ci avevamo già controllato; ebbene ricontrolliamo:

giulietta-spider-paint-prep_03

 

Preciso! Sull’ottimo profilo in acciaio inox, preso da Bergia a Padova, ve ne parlerò più avanti perché in tema c’è anche una piacevole sorpresa. Per finire in topic vediamo qualche immagine dell’interno abitacolo: i passaruota nuovi e il pianale.

giulietta-spider-paint-prep_19giulietta-spider-paint-prep_10giulietta-spider-paint-prep_18  E se proprio vogliamo infilare la testa sotto i parafanghi anteriori, ecco la vista da là sotto: siamo su uno dei punti più trascurati dalla progettazione Pininfarina, come se l’acqua e lo sporco sollevato dalle ruote dovesse andare a finire, per rispetto della signorina, da qualche altra parte anziché infilarsi fra parafango e montante parafiamma. E invece va proprio lì, e la giulietta marcisce.

giulietta-spider-paint-prep_26giulietta-spider-paint-prep_12giulietta-spider-paint-prep_27Ma noi abbiamo pensato… ehem il Maestro Domenico ha pensato a una soluzione, di cui vi parlerò tra breve. Per ora lasciamola lì, alle porte del forno, fino alla prossima spruzzata, leggera e solo nei punti giusti, di antirombo.

A presto 😉

19 commenti leave one →
  1. spider permalink
    16 novembre 2014 3:50 pm

    Cavoli, mi viene voglia di smontare tutto e rifarla bene come la tua! 🙂 P.S. se puoi, mi servirebbero le quote dei supporti dei sedili, rispetto agli angoli del fondo (o da dove pensi sia più opportuno prendere le misure). Nella mia i sedili sono ancora “volanti”. E mi hanno pure perso una rotaietta…

    • 16 novembre 2014 4:21 pm

      Mi è già capitato di prendere quelle misure per Guido, di Padova; ci ho fatto anche un paio di foto che dovrei avere… da qualche parte. Appena me le ritrovo te le mando via mail.
      Pe la rotaietta sono hazzi… done ne trovi una ‘scompagnata’?
      Fra qualche minuto pubblico il video di Moreno al lavoro 😉

      • spider permalink
        21 novembre 2014 12:48 pm

        Speravo in te per la rotaietta! Cmq serve solo per il lato guida, visto che essendo la mia una delle prima non ha il sedile del passeggero regolabile (per lo meno così mi risulta). Intanto mi sono procurato delle rotaiette per la 2600 sprint/touring, che forse sono un po’ più robuste e vanno bene per il mio dolce peso! 🙂

  2. 23 novembre 2014 5:26 pm

    Ti ho appena inviato qualche foto con misure: spero ti tornino utili. Non avevi anche la 2000 spider?

  3. natale permalink
    23 gennaio 2015 12:45 pm

    Il profilo in metallo del porta ruota di scorta è veramente orribile

    • 23 gennaio 2015 1:35 pm

      Lo so, non è gran che, ma è fatto così, cosa ci vuoi fare 😀
      Nella terza serie è un po’ meglio, fatto in tubolare, ma rimane pur sempre bruttino come oggetto.

      • natale permalink
        23 gennaio 2015 2:36 pm

        Anche nella seconda serie era fatto in tubolare e non era per nulla bruttino !

  4. 23 gennaio 2015 3:10 pm

    humm non è esattanente così che stanno le cose. “Seconda serie” è una dicitura convenzionale usata per riferirsi alle vetture costruite dall’inizio del 1959, con l’unificazione della produzione, fino alla prima metà del ’61. Queste versioni sono più propriamente chiamate ‘di transizione’, perché di fatto nontavano componenti vecchie (della 750) e nuove. Non c’è dunque, dal punto di vista della componentistica, una caratterizzazione univoca della “seconda serie”. Il mio esemplare, pur essendo tecnicamente un 101 di metà 1960, monta un alto tasso di componenti propri della 750, compresa quella brutta imbracatura della ruota di scorta.

    • natale permalink
      23 gennaio 2015 3:15 pm

      Quella brutta imbracatura della ruota di scorta in metallo quadrato non è mai stata montata su nessun modello di giulietta spider.Quella che si vede è chiaramente un rifacimento artigianale molto maldestro .

  5. 23 gennaio 2015 4:04 pm

    Tu dici eh? 🙄

  6. natale permalink
    23 gennaio 2015 4:17 pm

    Basta consultare manuale ricambi alfa romeo ,

  7. natale permalink
    23 gennaio 2015 4:40 pm

    Forse ha ragione lei nel manuale probabilmente fa riferimento solo alla terza serie. Questa sera verifichero, con più scrupolo !

  8. 23 gennaio 2015 5:28 pm

    senza forse 🙂
    La manualistica però non aggiungerà nulla all’evidenza fotografica fornita sopra. Nelle primissime edizioni del Catalogo Parti di Ricambio (ho quella del ’56) il particolare non viene nemmeno catalogato. Vi compare più tardi (non saprei di preciso quando) come parte n° 101.03.53.061.00 (Alfa) / 64.01 A (Pininfarina): “Supporto ruota di scorta in un solo pezzo” [aggiungo: ‘dopo che è stato saldato’]. Non viene fatta menzione neppure nell’Aggiornamento del 1966 (Publ. 002 990).
    A parte questo direi che è buona prassi non dare per scontato che il manuale sia la Bibbia. E’ noto che sono passati diversi errori, per non dire delle omissioni (cosa ci dice, per esempio, del telaio capotte? Praticamente nulla). Insomma, come dire… fra il ferro e la carta il più affidabile rimane il primo 😉

  9. natale permalink
    24 gennaio 2015 10:04 am

    catalogo parti di ricambio Particolari struttura e pannelleria , Tav.49
    esatto il numero alfa esatto il numero Pininfarina. Dalla numerazione si tratta del supporto in tubo rotondo. A pagina 4 del suddetto catalogo si specifica. Nella ordinazione si deve indicare il numero di telaio della vettura.dove dovrà essere applicato il pezzo richiesto.sarà fornito di volta in volta il pezzo ” appropriato ” in relazione al veicolo sul quale lo stesso dovrà trovare impiego

  10. 26 gennaio 2015 5:12 pm

    Certo, ma detto così, sembra che nel Catalogo “si specifichi” qualcosa relativamente al ricambio in questione, il che non è.
    Diciamo dunque per maggiore chiarezza – anche se chiunque abbia aperto il Catalogo lo sa – che la ‘Avvertenza importante’ a pag. 4 non riguarda nessun ricambio in particolare. Si tratta invece di una serie di raccomandazioni del tutto generiche rivolte ai ricambisti e alla clientela sul modo di effettuare le ordinazioni.

    Francamente, anziché confermare dati che non hanno alcun bisogno di conferma (ho solo copiato due numeri di serie) trovo che sarebbe stato più utile ed opportuno rettificare le affermazioni errate che lei ha fatto sopra. Siccome non l’ha fatto, tocca farlo a me, per chiarezza appunto, mica per altro.

    Dunque per ogni buon conto e per fugare ogni dubbio, la seguente affermazione:

    Quella brutta imbracatura della ruota di scorta in metallo quadrato non è mai stata montata su nessun modello di giulietta spider.Quella che si vede è chiaramente un rifacimento artigianale molto maldestro

    è completamente destituita di fondamento. Il pezzo in questione non è un maldestro rifacimento artigianale. Al contrario, per quanto brutto si tratta di un particolare originale progettato e realizzato dalla Pininfarina per la versione 750 della Giulietta spider, che come tale si ritrova anche in alcuni modelli di transizione.

  11. natale permalink
    26 gennaio 2015 5:58 pm

    Lei pensa che sia cosi Sono contento per Lei. Forse il pezzo si trova in alcuni esemplari di transizione Dall.inizio del cinquantanove fino alla prima meta, del sessantuno mi sembra un po. lungo come periodo di transizione ! Sono oltre due anni !!!!!!!

    • 27 gennaio 2015 7:03 pm

      No guardi è ancora fuori strada. Io non “penso che sia così”; lo so per certo, cosa ben diversa, e lo so dopo averne viste centinaia di giuliette, con il coso brutto quadrato e con quello meno brutto bello tondo.

      Ma il punto ormai è un altro. E siccome a quanto pare lei non capisce, provo a cambiare registro.

      Il punto è che lei spara cazzate e poi non ha né l’onestà né il buon senso di ammetterlo, nemmeno di fronte all’evidenza. Non sa, e nondimeno pontifica a sproposito.

      L’ignoranza non è un problema: siamo qui per imparare l’un dall’altro. Diventa problema però quando si mescola all’arroganza e all’ottusità. Ora, poiché non ho il tempo né la voglia di stare dietro alle sue sparate e tanto meno alle argomentazioni pretestuose con cui cerca di giustificarle (ecco il problema), mi tocca decidere se:

      1) lasciarla scorrazzare indisturbata per il blog a sparare cazzate (dopotutto la figura ci mancava e qualcuno può trovare la cosa divertente);
      2) filtrare i suoi commenti in coda di moderazione o toglierle l’autorizzazione a inserire commenti, o ancora semplicemente estrometterla.

      Tutto dipende dal ‘tenore’ del suo prossimo intervento ma (ho appena visto un’altra delle sue ‘perle) qualcosa mi dice che faremo bene a salutarci fin da ora.

  12. 28 gennaio 2015 10:41 pm

    [Comunicazione dell’Amministratore]

    Il sig. Natale è stato bannato da questo Blog, pertanto non è più possibile interagire con lui su questa piattaforma.

    Motivi: SPAM; commenti intesi a suscitare polemiche sterili e pretestuose; offese all’indirizzo dell’Amministratore (rimosse).

    A seguito di un richiamo esplicito a cambiare linea di condotta, l’utente si è invece profuso in una serie di messaggi provocatori ed offensivi, illudendosi peraltro di prendersi la sua rivalsa a seguito di un avvertimento evidentemente non gradito. Di fatto però, come era largamente prevedibile, non ha fatto altro che confermare la sua profonda ignoranza e sprovvedutezza. A mo’ d’esempio trascrivo, appunto, la sua ennesima castroneria, e vi risparmio il resto:

    Spider Veloce AR 1495 09866 per Fusi non esiste come veloce !!!!!!!!!!!

    Qualcuno prima o poi avrà la bontà di spiegare al sig. Natale un fatto largamente risaputo negli ambienti delle Alfa d’epoca, cioè che il Fusi è noto per le sue omissioni riguardanti precisamente il periodo relativo al seriale che egli è andato diligentemente a controllare, e che l’unica autorità in merito è l’Archivio Storico, di cui a suo tempo ho richiesto e pubblicato il responso, probabilmente sfuggito alla sua attenzione, più plausibilmente volutamente ignorato in vista di finalità che nulla hanno a che fare con il sano spirito di collaborazione che ispira questa comunità.
    Qualcuno lo farà, ma non qui.

    Auguro a tutti buon proseguimento.

  13. sergio permalink
    28 novembre 2015 7:14 am

    Secondo me era solo geloso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: