Vai al contenuto

Mille Miglia 2019: Still Alfa

19 Maggio 2019

Due Alfa Romeo sul podio alla 37° edizione della rievocazione storica della Mille Miglia: la 6C 1500 SS di Moceri e Bonetti e la 6C 1750 SS Zagato di Vesco e Guerini. Al terzo posto la Bugatti Type 40 di Tonconogy e Ruffini, che vincono il Trofeo Gaburri ma si dicono insoddisfatti del coefficiente.

Vicenda che ricorda, solo da lontano, le polemiche del 2014, quando la vettura vincitrice, una Lancia Lambda Casaro, era stata l’unica vettura a beneficiare di un coefficiente 1.80. Da lontano appunto e in questo caso in modo un tantino pretestuoso, perché quest’anno i coefficienti sono rimasti invariati rispetto alla precedente edizione, vinta proprio dal pilota argentino su 6C 1500 GS TESTA FISSA, sempre a 1.80. La decisione di gareggiare su Bugatti (1.75) è stata infatti penalizzante, ma a conti fatti, anche a parità di coefficiente la vittoria sarebbe andata comunque, sia pur per un nonnulla (363 vs 367 penalità), all’agguerrita coppia siculo-bresciana che, va detto, ultimamente vince praticamente tutto.

A proposito… cosa ne è stato della ‘Lambda della discordia’? Come mai da allora non si è più vista? La vicenda è dannatamente intricata e a dirla tutta poco piacevole. Anzitutto perché la campionessa non è più tra noi: ha preso la strada d’Oriente, acquistata da un collezionista giapponese il quale (ed ecco la vera rogna) in sede di certificazione FIVA si è visto declassare la propria vettura, così pesantemente da renderla “non più accettabile alla Mille Miglia“. Ce lo riferiva Gaetano Derosa in un articolo del 2018 su Ruoteclassiche.

Luci e ombre di una manifestazione che è sempre più sotto i riflettori dei Media, grazie a un mix di autentica passione, glamour gossipparo e tanti schei. E siccome non tutti i mali vengono per nuocere, a me continua a sembrare la gara più bella del mondo.

 

 

2 commenti leave one →
  1. Ci.Di. permalink
    20 Maggio 2019 5:47 am

    Quella Lambda era un falso clamoroso…addirittura con un numero di telaio malamente ripunzonato…finché Oscar Capellano visse non venne mai certificata e ammessa a manifestazioni di prestigio.
    Nel 2014 venne segnalata prima della gara ma evidentemente “doveva vincere !”

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: