Vai al contenuto

RealAlfa. Concorso Maurizio Tabucchi

9 giugno 2019

Si è svolta lo scorso 2 giugno nella sede storica di Arese la prima edizione del Concorso di conservazione e restauro dedicato alla memoria di Maurizio Tabucchi. Nove le classi di concorso, dalle 6c degli anni ’20-’30 fino alle GTV serie 916, più le instant classic votate dal pubblico.

L’iniziativa è lodevole e lancia un segnale importante nel mondo dell’automobilismo storico, in quanto propone un nuovo format inteso a privilegiare la corretta conservazione delle vetture d’epoca o, in extrema ratio, il restauro fedele alle specifiche di fabbrica. Non a caso, coerentemente con questa filosofia, la giuria assegna il Best of Show, ovvero il Premio Tabucchi, all’Alfa Romeo 6C 1750 Super Sport Zagato del 1929, esemplare che porta orgogliosamente sulla propria ‘pelle’ tutti i segni dei suoi novant’anni di onorato servizio.

Conservate o ben restaurate, le belle Alfa non sono mancate in nessuna delle categorie. Stupenda la 6C 2500 Super Sport Touring del 1947; meritatissimo il premio alla 1900 C Sprint Cabriolet PF del 1953. Presente anche la 1900 la fleche, reduce da Villa d’Este, cui viene criticata una metallizzazione un po’ troppo spinta ma vince il premio agli interni meglio conservati.

Un po’ meno sgargianti le Giuliette Spider – anche se qui sono di parte. In ogni caso non mi aspettavo di vedere portati a concorso esemplari equipaggiati con volanti di fantasia, ornati con griglia e baffi ‘gommati’ e riproduzioni di stemmi a buon mercato, motori con teste sabbiate e addirittura targhe identificative ribattute e disposte un po’ a caso sotto il cofano. Bella in ogni caso la Veloce del ’59 vincitrice, come del resto i duetti, tutti ossi di seppia.

Due vetture da competizioni meritano un discorso a sé: l’Alfetta GTV 2000 Autodelta Gr. 2 del 1975, che ebbe tra i suoi proprietari proprio Maurizio Tabucchi e vince il premio alla ‘Vettura con la migliore storia sportiva’; e la 75 1.8i Turbo Evoluzione IMSA del 1988, che si aggiudica un premio quale ‘Vettura da competizione più significativa’.

Tutte le altre (o quasi) nelle due gallerie fotografiche qui sotto. La prima ritrae le concorrenti sul tracciato del Motor Village, la seconda durante la sfilata nella sala Giulia del Museo. Ecco la prima:

 

E giù la seconda. Le auto accedono alla sala Giulia spinte a mano, sfilano sul tappeto rosso, si soffermano quanto basta per raccogliere i commenti del chairman o per essere premiate dalla mano dei familiari di Maurizio Tabucchi. Infine escono di nuovo verso il tracciato. La 6C 2500 Super Sport Touring compare per prima [*verificare*] ma alla fine torna per essere insignita Best of Show. E’ un momento magico, davvero emozionante.

E questo è quanto, oppure no…

Ho anche girato qualche scena, ma come sapete sono un po’ arrugginito con il montaggio. Vedremo semmai la settimana prossima.

A presto.

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: