Vai al contenuto

E io rilancio da casa

15 marzo 2020

Proprio mentre scrivo, la casa d’aste Aguttes di Parigi espone al Centro convegni Champerret di Parigi i lotti (ecco il catalogo) che alle ore 15 PM andranno al miglior offerente. Tra questi il pezzo più ghiotto è l’Alfa Romeo Giulietta SZ coda tronca #00197 del 1962 con un passato sportivo di tutto rispetto.

Venduta nuova a Bologna nel ’62, la #00197 debutta lo stesso anno alla 1000Km di Parigi guidata da Giampiero Biscaldi e Romolo Rossi per la Scuderia Sant’Ambroeus. L’anno successivo partecipa alla 24 ore di Le Mans e nel 1964 – passata a Girolamo Capra – prende parte alla Targa Florio, corre a Nürburgring e al Mugello e si fa svariate cronoscalate. Prima di cederla a Danilo Parnetti, che nel 1966 porterà a termine la stagione sportiva dell’esemplare, Capra ottiene un 6° posto assoluto a Monza.

Nei primi anni ’80 viene acquistata dal collezionista giapponese Yoshi Hayashi e una ventina d’anni più tardi la ritroviamo nella collezione di Bruce Bradburn, che poi la cede a Peter Hageman, il quale nel 2008 la iscrive al Concorso d’eleganza di Pebble Beach. Due anni più tardi viene esibita a Rétromobile e venduta a un collezionista francese, che la riporta in pista per partecipare al Trofeo Nastro Rosso e alla 5° edizione di Le Mans Classic.

L’auto appare a quel punto bisognosa di cure, quindi nel 2011 viene smontata e trasferita presso la Alfaholics in GB, dove affronta un restauro completo che la riporterà alla configurazione esibita ai tempi d’oro di Le Mans. Dove tornerà a gareggiare nel 2014, prima di passare nelle mani di Jean Brandenburg, che la condurrà ancora in pista in tre occasioni nel 2018, prima di passare e miglior vita a febbraio dell’anno scorso. Fine della cronaca; ma la storia continua.

Rieccola pronta a passare nelle mani di qualche fortunello dalle tasche profonde. Sì, perché le quotazioni di questo modello non si sono mai fermate e la stima d’asta descrive una forbice tra i 500 e i 750K. Quindi statene certi, il titolo è una battuta: non rilancerò 🙂

Ma non c’è solo lei. Se avete dato un’occhiata al catalogo (link sopra) avrete notato, a p. 182, una Giulia Spider blue del 1964. E’ la AR378160 (del motore non si fa parola) restaurata nel 2008 e con all’attivo solo 10.000 Km. E poi a p. 224 una Giulia Sprint GT del 1965 (AR612590) che conta fra i suoi proprietari lo stesso Jean Brandenbourg, quindi anch’essa con passato sportivo, ben ostentato dalla bellissima livrea. La base d’asta è 60 – 80k per la prima e 35 – 40k per la seconda.

Chiude il reparto alfista niente meno che una 4C rossa con soli 587 km da nuova, offerta con una base d’asta di 50k e una stima ottimistica fino a 70. Colpisce soprattutto la location incantevole scelta per il servizio fotografico e la qualità stessa delle fotografie.

Ma anche in questo caso mi asterrò dal rilanciare, anche se la Sprint GT mi fa davvero gola. Forse, insomma… non è il momento. E proprio per questo sarà interessante vedere come va a finire quest’asta, la prima del nuovo corso che l’emergenza imporrà senz’altro anche al mercato delle auto d’epoca. Con quali effetti lo si vedrà nei prossimi mesi.

Pubblicità
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: