Skip to content

About

Questo Blog è dedicato alla documentazione del restauro di un’Alfa Romeo Giulietta Spider Veloce.

Per festeggiare il centenario di Alfa Romeo abbiamo pensato di prendere una cinquantenne bisognosa di cure e riportarla allo splendore di una volta. Il reperimento dell’esemplare non è stato cosa facile. Tra i vari criteri su cui si è basata la scelta, i seguenti hanno avuto fin dall’inizio un peso decisivo:

  • rarità: doveva essere una VELOCE, prodotta in soli 2793 esemplari  (e così è stato);
  • originalità dei componenti: motore, trasmissione, differenziale etc. dovevano essere di primo equipaggiamento (e lo sono);
  • rappresentatività del colore: ovviamente ROSSO (rossa è e tale rimarrà);
  • dati anagrafici: doveva essere del 1960 (e, pensate un po’,  quella che abbiamo trovato è stata costruita a giugno di quell’anno, il 4.6.60 – Bingo!).

Stentavamo a crederci:  l’abbiamo trovata esattamente come la volevamo! Addirittura, compierà 50 anni nel mese di mezzo dell’anno del centenario della Casa. Che peccato non averci pensato prima! Avremmo potuto spegnere le cinquanta candeline a restauro completato. E invece, lo sappiamo bene, il restauro richiederà parecchio tempo per cui la nostra povera Giulietta festeggerà il raggiungimento della sua veneranda età e insieme il compleanno di mamma Alfa con il cuore a pezzi. Ma ci faremo perdonare: quando tornerà a sorridere, sarà unica.

Infatti, intendiamo affrontare un restauro rigorosamente fedele alle specifiche di fabbrica. “Unica” non significa dunque over restored: nessuna concessione al palato moderno. Sarà invece un restauro filologico, rigorosamente osservante dell’autenticità di ogni componente impiegato e… che altro? Beh, dell’altro ci sarebbe, e riguarda precisamente l’interpretazione dell’aggettivo ‘filologico’ applicato a ‘restauro’. In altre parole,  fino a che punto ci si può realisticamente spingere in una tale operazione, stanti i vincoli di carattere pratico, economico e normativo cui la stessa andrà inevitabilmente soggetta?  Su questo è aperto il dibattito e saremmo lieti di sentire il parere dei nostri lettori.

Sì, perché questo Blog è fatto per condividere con voi le varie fasi del Restauro, che saranno documentate nel dettaglio con immagini, video e quant’altro potrà tornare utile a meglio comunicare ciò che stiamo facendo.

E stiamo facendo ciò che ogni vero alfista dovrebbe fare almeno una volta nella vita: riportare  l’oggetto della propria passione, e con le proprie mani, allo splendore di una rinascita.

69 commenti leave one →
  1. marco permalink
    27 gennaio 2010 3:22 pm

    bravi ragazzi mi avete entusiasmato, sarei pronto anch’io ad affrontare un viaggio così lungo….. ma ho bisogno di qualche consiglio da esperti come voi… marco abano terme 347/9668808

    • 27 gennaio 2013 7:08 pm

      Ciao, complimenti per il tuo magnifico lavoro e per il tuo sito.
      Anche io sono un appassionato e mi sto dedicando al restauro di una modesta berlina III serie, sto cercando di fare il maggior numero di cose possibili da solo prerchè il gusto è proprio questo; qui c’è il mio sito : http://www.alfaromeogiuliettati.it/ .
      Ti disturbo perchè data la tua esperienza in materia di Giulietta, volevo chiederti se c’è qualche elettromagnete del motorino di avviamento compatibile con il mio. Infatti non funziona nè l’elettromagnete, fa fatica ad eccitarsi funziona solo le lo aiuto io, nè il motorino, ma quello probabilmente è recuperabile.
      Ti ho disturbato qui perchè non sapevo come contattarti.
      Ciao e grazie in anticipo

      • 28 gennaio 2013 4:32 pm

        Ciao Massimo
        Benvenuto, grazie dei complimenti e congratulazioni per il tuo sito. Ho iniziato a girarlo adesso e ci ho trovato un sacco di roba utilissima! E tu chiedi consiglio a me? 😯
        Da manuale, il tuo Motorino di avviamento dovrebbe essere un Lucas M 325, montato su tutti i modelli tranne le versioni veloci, oppure un Bosch. Sul problema specifico non azzardo nulla, ma se non ne vieni a capo ti posso mettere in contatto con la persona giusta.
        Sentiamoci via mail, per questo e per tutto il resto.

        [@ Marco. Scusa, abbiamo impaninato battuta e risposta proprio qui, a 3 anni esatti dal tuo storico primo commento 😀 ]

    • Michel Vignères permalink
      21 ottobre 2014 9:30 pm

      Io mi chiamp Michel

      Sone Francese, e mi sono registrato oggi.

      Ho una Giulietta Spider 1959 telaio tipo 103 ma che non é una Veloce.

      Vodrei sapere se voi andate alla fiera AUTO D’ EPOCA que si svolge in Padova questa setttimana.

      Io sarebbe li.

      Grazie.Mi piacerebbe riencontrarvi sulla fiera.

      bravo e tanti auguri per vostro Blog.

      • 22 ottobre 2014 10:26 am

        Ciao Michel,
        Benvenuto. Sì certo, sono in fiera da domani giovedì. Ti contatto via mail nel primo pomeriggio.

  2. 27 gennaio 2010 11:58 pm

    Ciao marco
    grazie 😉

    Sembra che il primo obiettivo l’abbiamo raggiunto: trasmettere il nostro entusiasmo. Il viaggio però, incomincia ora: benvenuto a bordo.

    Sai, gli “esperti” sono speso avari di consigli. Noi non lo siamo, ma affrettati perché lo stiamo diventando 😀
    Seriamente, in qualunque cosa possiamo esserti utili… chiedi pure. Non può che farci piacere.
    Alejandro

  3. Bob Kleinfeld permalink
    28 gennaio 2010 3:55 am

    I’ve owned five Giuliettas and Giulias and look forward to reading about your progress and how you solve the problems that come up. I’m about to start the restoration of my ’61 Giulietta Spider.
    Buona fortuna!

    • 28 gennaio 2010 11:22 pm

      Dear Director thank-you for visiting our Blog: we’re trully flattered.

      Problems? Oh yes, certainly there will be many, and the worst will refer to authenticity, as always happens when you work on interim models.
      We hope to enjoy your advice to solve some puzzles.
      Sincerely
      Alejandro

  4. 10 giugno 2010 9:04 pm

    ho visto il tuo video e mi complimento.
    Sono un appassionato di giulietta spider e sono intenzionato ada andare a vedere di acquistare una o due da portare a ristrutturare a brescia.Volevo chiederti come e’ questa ditta olandese che importa auto spider americane?Ti sei trovato bene e’ serio?? io dovrei andare apposta su in aereo ma non vorrei incappare in un bidone.Mi piacerebbe telefonarti

    Grazie Antonio da Brescia
    io non sono tanto pratico di internet ho quasi 60 anni ma a 27 ho smontato e rimontato una giulia spider bianca ero andato a Arese che bella esperienza

    • 10 giugno 2010 9:39 pm

      Ciao Antonio
      grazie dei compli 😉

      J00p St0lze è un professionista serissimo e anche un appassionato di automobili classiche. Con lui puoi stare tranquillo: se ti dice che una macchina è matching numbers, lo è. Se ti dice che una veloce è tale, non è di certo un’abnormale. Ma se ti dice che “forse” ti troverà un pezzo mancante, non crederci, non lo farà mai 🙂 Nessuno è perfetto.
      Ma i suoi prezzi sono competitivi, per cui qualche peccato veniale glielo perdoniamo.

      Andare là? Dunque, fossi in te, prima di muovermi cercherei di contattarlo e vedere cosa c’è di papabile. Il suo parco macchine è movimentatissimo. Per farti un esempio, la giulietta 750 con tanto di numero sulla porta che si vede in catalogo, è stata venduta di recente (se vuoi ti dico a chi e a quanto, e quanto chiede il commerciante italiano che l’ha acquistata e ora se la rivende) , la veloce rossa da restauro poi, è già prenotata da un nostro caro amico e forse anche qualla III serie bianca riprende la via dell’Italia. Insomma, lì bisogna muoversi in fretta ma anche andarci a colpo sicuro, altrimenti fai la tua bella gita sì, ma rischi di tornare a mani vuote.

      Se vogliamo sentirci al telefono ok, mi farebbe piacere: scambiamoci i numeri via mail 😉

      Un caro saluro
      Alejandro

  5. Hudkins permalink
    3 novembre 2010 1:30 am

    Ciao,

    Nice meeting you in Padova at the auto e moto d’ epoca!

    thanks for the translation with Biondi!!!! they are #1

    I purchased many parts from him and upon arriving home realized I will need a few more parts from Biondi…Grazie again for your help!!!!

    best wishes from the USA, Indiana.

    • 3 novembre 2010 10:49 pm

      Hey there Hudkins

      you are welcome.
      I’ am happy that the transaction was successfully completed.
      Good luck with your restoration.
      I hope to see you next year at Padova autojumble 😀

  6. Pietro Bianchi permalink
    6 febbraio 2011 5:35 pm

    anche io vorrei fare una gita da Stolze, posso farti un paio di domande per telefono o per email? saresti gentilissimo, grazie!

    3402829539

    • 6 febbraio 2011 9:58 pm

      Ciao Pietro benvenuto tra noi 🙂

      mandami pure una mail a:

      m4rcvs AT gmail DOT com

      e dimmi cosa ti interessa sapere, così intanto io mi preparo 😀
      Poi magari ci sentiamo al telefono.
      Saluti
      A.

  7. Valentino permalink
    4 marzo 2011 12:38 am

    Ciao, i complimenti sono obbligatori e sicuramente meritati.
    Io appartengo ad una associazione di appassionati di vetture d’epoca, nel nostro parco macchine abbiamo già una giulietta 1 serie, non perfetta ma almeno non è pasticciata, ci piacerebbe andare da joops e portarci a casa una vettura al 1 posto c’é la giulietta ma non scartiamo nemmeno le inglesi, sopratutto per la facilità di reperire ricambi, tr2/tr3 in testa oppure una mg td.
    ti faccio qualche domanda cosi da capire come muoverci, il nostro grosso handicap è il fatto che nessuno di noi parla un accettabile inglese, comunque, prima di andare da joop lo hai contattato e lui ti ha inviato foto e descrizione di più vetture? il fatto di essere andato di persona ti ha dato la possibilità di contrattare maggiormente il prezzo? chi ha trasportato la vettura? e sopratutto a quanto l’hai portata a casa ^_^? lo so sono un sacco di domande, ma bisogna sapere bene a cosa si va incontro l’acquisto è la cosa più facile.
    nel filmato alla fiera di rimini hai ripreso alcune delle nostre macchine che erano state date in prestito, l’alpine a110 e la fulvia montecarlo appartengono ai nostri soci, anzi con la fulvia ci facciamo la regolarita, sulle fiancate infatti cé il mio nome, peccato non averti conosciuto prima, sarebbe stata una bella occasione di scambiare 4 chiacchere con un grande esperto appassionato.
    valentino valy@omniway.sm

    • 4 marzo 2011 8:38 am

      Ciao Valentino
      benvenuto e grazie dei complimenti iperbolici 🙂
      Dunque siete voi che avete ‘salvato’ la fiera di Rimini l’anno scorso… Grazie: senza le vostre belle macchine sarebbe stata da suicidio.
      Sono sicuro che ci sarà occasione di fare quattro chiacchiere prima o poi: le fiere me le faccio quasi tutte.
      Per il discorso di Joop ti contatto via mail perché il discorso è lungo.
      A risentirci a presto 😉
      A.

  8. Carlo permalink
    11 marzo 2011 2:20 pm

    ciao..seguo con molta attenzione il tuo meraviglioso lavoro..anche io sono un fan dell’alfa romeo e come te, mi diletto anche in lavori di verniciatura e riparazioni varie…(da quel che vedo sei un maestro!!!)
    ..vorrei chiederti informazioni riguardanti questo roblock che ho trovato su internet: http://www.autoscout24.it/Details.aspx?id=176273783

    Che te ne pare?
    ciao e buona continuazione…PS…a che punto sei arrivato?

    saluti
    Carlo

    • 11 marzo 2011 9:05 pm

      Ciao Carlo benvenuto e grazie per i complimenti, anche nel tuo caso generosamente iperbolici 🙂
      Di quel progetto non so nulla. L’avevo richiamato in un post di qualche tempo fa come esempio di richiesta esorbitante. Infatti, al tempo veniva proposto a € 16.000 (nel loro sito si legge ancora quella cifra). Anche rivista al ribasso, secondo me 13.000 sono ancora troppi. Di interessante c’è che si tratta di un passo corto del ’59, una vettura di transizione. Ma certo non è, come recita l’annuncio, “un’ottima base per un restauro”: come vedi è urtata, ha fatto qualche capriola la poveraccia 😀 Poi di ruggine ce n’è. Bisogna vedere infine cosa intendono per “completa al 100%”.
      A risentirci.
      A.

      • Carlo permalink
        14 marzo 2011 10:46 am

        mhhhh….sono tutti fenomeni…grazie della dritta..comunque se è ancora li un motivo c’è..vabbè..continuiamo la ricerca
        ciao!

  9. Alessandro permalink
    13 marzo 2011 9:35 pm

    Ciao Alejandro volevo farti i complimenti per l’ottimo lavoro che stai svolgendo sulla cara giulietta e per questo splendido sito.
    Sono lieto di comunicarti che abbiamo intrapreso lo stesso viaggio………io sto restaurando una Giulietta Spider IIserie del 1960 passo lungo. Ad oggi ho terminato tutto il lavoro di carrozzeria applicando un primo stralcio di verniciatura in modo da poter rimontare gli impianti e le parti di meccanica. Dato che ho visto nei filmati che sei venuto anche dalle mie parti (Io sono di Assisi) avrei il piacere di conoscerti di persona. Nel caso in cui passassi di qui potremmo condividere la nostra passione per il restauro dell’amata Giulietta.

    • 14 marzo 2011 8:58 am

      Ciao Alessandro benvenuto e grazie.
      Una seconda serie, come la mia! La voglio verdereeeeee 😀
      Certo che ci passo da quelle parti, spessissimo!
      ti contatto via mail 😉
      A presto
      A.

  10. Jose permalink
    25 giugno 2011 7:33 am

    Ragazzi, stupenda macchina stupendo sito, io attualmente sto restaurando un osso di seppia 1600 del 66′ ma dopo l’estate inizieremo (io e mio suocero) a restaurare una Giulia spider 1600 del 62′ di mio suocero,(stiamo cercando prima di tutto il catalogo dei pezzi di ricambio in formato pdf) e avremmo qualche domanda da farvi per fare un restauro a regola d’arte e riportare la macchina splendida come uscita dalla fabrica.
    A presto e buon lavoro
    Josè

    • 25 giugno 2011 1:37 pm

      Hola josé y bienvenido!

      Bello l’osso di seppia: mi piace giusto quello, il prima serie 😉
      Il catalogo in pdf lo trovi facilmente su ebay; per il resto chiedi pure.
      Auguroni per i restauri.
      A.

      • Jose permalink
        13 luglio 2011 7:25 pm

        Hola hermano, stiamo iniziando a vedere in giro per i primi pezzi da prendere, le maniglie tergi (con foro dentellato e copertura esterna €90,00 per due pezzi)e l’accendino (mi sembra sulla parte superiore una spirale€160,00) mi potresti dare una email per mandarti le foto e dirmi se sono gli originali, Grazie…

  11. 13 luglio 2011 9:26 pm

    Ciao José

    manda pure ma non so fino a che punto potrò aiutarti perché non conosco l’osso di seppia quanto la giulietta. Comunque guarda bene in giro prima di sganciare certe cifre.

    La mia mail è m4rcvs AT gmail DOT it

    Saluti
    A.

    • Jose permalink
      14 luglio 2011 1:59 pm

      Ciao Ale,
      i pezzi sono per la Giulia spider di mio suocero, non riesco a mandarti l’email mi dice indirizzo sbagliato, il mio è josepaccione@libero.it, se puoi mandarmi un email cosi ti mando le foto.
      A
      preto, Jose

  12. alberto permalink
    3 ottobre 2011 6:33 pm

    ragazzi troppo bravi!!!! io sono un appassionato di auto storiche sopprattutto alfa romeo, adesso come prima auto possiedo una vecchia fiat 500 ma il mio sogno e’ un alfa e di preciso una 2600 spider touring. quasi introvabile se non a cifre esorbitanti.tengo sempre d’occhio il mitico joope stolze forse uno dei migliori venditori del settore.se avete notizie su questo modello scrivetemi qualcosa.saranno tutte negli usa? avete qualche contatto come importatori usa? anche se da quando partono da la a quando arrivano in italia il prezzo triplica. comunque torniamo a voi complimenti state propio facendo un bel lavoro.BISOGNA PROPIO ESSERE ALFISTI PER CAPIRE QUESTO MONDO.un alfa la possiedo gia’ una 156 auto di tutti i giorni ma le migliori rimaranno sempre quelle storiche cha hanno creato il marchio alfa

    saluti alberto

    • 4 ottobre 2011 8:49 am

      Ciao Alberto
      Benvenuto e grazie 🙂

      I contatti in America li abbiamo, ma qui da noi, proprio in questi giorni sono state messe in vendita un paio di 2600 spider. La prima da Cristian Luzzago e sembra ben conservata, ma la richiesta è, come dici te, abbastanza esorbitante; la seconda, americana, è un progetto di restauro che secondo me meriterebbe attenzione.
      Sai c’è già un altro utente del Blog che ne sta cercando una… mi sa arrivi secondo 😀

  13. Pierfranco permalink
    16 ottobre 2011 8:01 pm

    Salve Alejandro,
    mi sono imbattuto nel vostro blog per caso, ma nelle casualità non credo.
    Mi servivano delle informazioni sul restauro della mia amata Giulia Gt2000 Veloce 75′ e sull’acquisto di una Giulietta spider/2000/2600 spider touring da restaurare.
    Venendo alla domanda ti volevo chiedere cosa ne pensi, riguardo l’utilità reale nell’efficacia contro la ruggine del decapaggio chimico e successiva cataforesi della scocca, considerando però che mio suocero essendo carrozziere può usare il metodo “tradizionale” : sverniciatore, rimozione ruggine e verniciatura da zero.
    Vorrei solo il meglio per la mia Amata, ma nemmeno buttare tanti soldi per niente.
    Mi piacerebbe scriverti per avere dei consigli la mia email è pierfrancoseminara@hotmail.it

    • 17 ottobre 2011 2:31 pm

      Benvenuto Pierfranco,
      nemmeno io credo alle coincidenze. Pensa te, qualche giorno fa ho ispezionato una 2600 Spider Touring da restauro, ancora in vendita: se vuoi te ne dico vita e miracoli e ti mando via email qualche foto ‘esplicita’.

      Quanto alla guerra contro la ruggine sulla tua Gt2000 Veloce – gran bella macchina 😛 – io procederei con i metodi tradizionali. Ovviamente la cataforesi della scocca sarebbe la soluzione ottimale e definitiva, ma è un’operazione costosa e non so fino a che punto rientri in preventivo tenuto conto del valore di mercato del modello. Tu suocero queste cose le saprà meglio di me ma, comunque: primo suggerimento, mai usare acidi, che poi ti rimangono incapsulati negli scatolati e si mangiano la scocca dall’interno. Secondo suggerimento: se usi lo sverniciatore, prima di imprimare accertati di ripulire accuratamente ogni cm2 di lamiera (soprattutto gli interstizi difficili da raggiungere), altrimenti quello continuerà a lavorare sotto e pian piano ti ritrovi un rifiorire di bolle sulla vernice nuova di pacca 😉
      Buona fortuna con il restauro.
      Ci sentiamo via mail.

  14. Pierfranco permalink
    19 ottobre 2011 6:00 pm

    Grazie della risposta e dei consigli, lasciami la tua email così ti scrivo che devo “disturbarti” ancora 🙂
    Saluti

  15. Gianni permalink
    7 novembre 2011 7:36 am

    Alessandro salve mi chiamo Gianni e ho letto un pò delle tue risposte ai vari altri interlocutori e volevo anche io chiederti un parere su STOLZE in Olanda. Posso chiamarti?

  16. Marco permalink
    15 dicembre 2011 8:05 pm

    Ciao, avrei intenzione pure io di comprare un’auto da Stolze, posso contattarti per avere delle informazione su come procedere?

    Saluti Marco

  17. 1 aprile 2012 10:04 pm

    ciao alejandro,
    da un po’ di settimane leggo a ritroso il wp. Complimenti per i contenuti e, cosa rara anche per un blog, lo stile e l’estetica. Per la pungente ironia leggendo alcune recensioni mi sono fatto delle sane ghignate. Ottimo.
    Anch’io come molti che sono capitati sul blog sono (molto alle porte, anzi un goccio ancora prima) nell’epopea del restauro. Per colpa vostra sto ripensando al mio approccio “di manica larga” al restauro. Ho un normalissimo spider 1300 del 61 a cui sono affezionato in maniera folle, è della mia famiglia da 50 anni. Purtroppo ha attraversato restauri fatti da diversi stregoni (alcuni delinquenti veri e propri) e non ultimo, 10 ani sotto un telone all’aperto a Genova (località tipicamente nota per il clima a mano di seta per le carrozzerie). Non mi dilungo molto oltre. La sto finendo di mettere in moto per ridarla alla strada, è inevitabile però un restauro vero e proprio. Qui si apre un dilemma: a chi affidare le varie fasi del restauri senza farsi dissanguare. La macchina ora è a Milano. Mi farebbe piacere scambiare delle opinioni e magari ricevere consigli da chi sicuramente ne sa più di me ed evitare così gli errori del passato. Grazie mille anton

    • 3 aprile 2012 9:08 am

      Ciao Anton benvenuto
      e grazie: mi ha molto piacere il tuo commento.

      Ho capito bene? Hai messo in moto la giulietta dopo un fermo di 10 anni, per giunta a bagno maria in aria salmastra? 8-0 Beh sì forse è il caso di pensare a un restauro, conservativo nel migliore dei casi, totale se gli stregoni e il tempo si sono messi d’impegno.

      Il dilemma non c’è: o sei capace, hai tempo per darti da fare e possiedi le attrezzature, oppure ti affidi a dei professionisti seri, che ti restaureranno l’auto e faranno anche pelo e contropelo al tuo portafoglio.

      Nel secondo caso il problema è trovarne uno che non abbia in coda altre due o tre prima della tua. Ti mando una mail di contatto è ne parliamo meglio 😉

  18. Emanuele permalink
    3 maggio 2012 12:39 pm

    ….è da un bel pò che frequento con assiduità questo blog e il progredire del bel restauro della tua veloce, ma non ho mai ufficialmente fatto i complimenti per il tuo eccellente lavoro di blogger, sia per le tue conoscenze linguistiche (sembri un poeta!) sia per le conoscenze che metti a disposizione a tutti gli appassionati di alfa.. grazie di cuore Alejandro!
    Emanuele – Fr-

  19. Riccardo permalink
    22 agosto 2012 12:54 pm

    Caro Alejandro,
    Ho dei contatti con Joop Stolze e volevo chiederti un parere sulla base di quello che ho cioe’ alcune foto e il prezzo di una giulietta
    Vorrei avviare un progetto di restauro, non mi preoccupa l’ aspetto tecnico (mio papa’ ha lavorato per 40 anni in alfa Romeo, Portello, Arese e poi ha avuto una sua officina Alfa oggi chiusa) ma sono in dubbio sul prezzo e anche sui costi di restauro
    Mi potresti scrivere sulla mia mail o darmi il tuo indirizzo?
    Grazie
    Riccardo

  20. ALESSANDRO ALBERIO permalink
    9 settembre 2012 6:19 pm

    Ciao Alejandro,i complimenti per un blog cosi favoloso e importante(per me una vera bibbia)sono d’obbligo..mi chiamo Alessandro e sono anch’io un proprietario di una.. spero bellissima giulitta spider seconda serie…É la prima volta che scrivo ma è da gennaio che seguo attentamente il tuo lavoro..super su tutti gli orizzonti..prima alfa da restaurare,non sapevo nemmeno da dove partire,ma grazie al tuo blog…si parte!!!!!!!venerdi finalmente ho conosciuto Biondi..cavolo una bella spesa ma sono sicuro che ne varrà la pena(abiamo parlato di te..ovviamente in bene!!)..ho bisogno di un aiutino per il telaio cappotta..tolta(quello che rimaneva)la tela ho trovato..le traverse sono favolose ma il pezzo anteriore quello che va sul parabrezza,completamente marcio..che si fà?
    sai dove si puo’ trovarne una nuova o meglio della mia?
    complimenti ancora ciao Alesandro da como.

    • 9 settembre 2012 9:47 pm

      Ciao Alessandro
      Benvenuto e grazie: alla Bibbia in formato eletronico non ci avevo ancora pensato 🙂

      La parte anteriore del telaio capote è quella più soggetta a corrosione, perché in lamiera, cava e per giunta farcita di legno. Ne ho vista una in vendita qualche giorno fa su ebay tedesca, proposta a EUR 150 e invenduta. Se la tua è proprio da buttare, ma non è detto, potresti contattare il venditore e fargli un’offerta. Ecco l’indirizzo dell’inserzione.
      Auguri con il restauro e a risentirci presto
      A.

  21. Alessandro alberio permalink
    10 settembre 2012 5:49 am

    Ciao e grazie mille:-)..controllo al più presto..sarebbe un bel colpetto:-)..ti faccio sapere!!
    Grazie ancora a presto ciao
    Alessandro

  22. gastonegonzato@gmail.com permalink
    24 settembre 2012 12:51 am

    Ciao Alejandro
    Seguo da diversi mesi il tuo blog, complimenti, e non solo per il blog ma anche per lo [immagino splendido] restauro.

    Vivo inBrasile e ho da poco importato dagli USA una Giulia spider ‘64, in ottime condizioni, anche se è chiaro che qualche lavoretto serve.
    E qui ne approfitto per chiederti una preziosa consuenza su vari punti, anche perche‘ verro‘ 15 gg in Italia a inizio ottobre, e quindi vorrei approfittarne per comprare eventuali pezzi:
    – Capote: e‘ discreta, ma ha qualche buchetto e i ganci di fissaggio sono un po‘ precari. Inoltre uno dei due fori laterali dove passano i fermi e‘ in posizione sbagliata. Conseguentemente uno dei due fermi è stato fissato in posizione sbagliata. Sarebbe solo un fastidio ‘estetico‘, se non fosse che il fermo in posizione sbagliata interferisce con l‘hard top (ho anche quello). Quindi vorrei sostituirla. Credo ne esistano di diversi tipi (giulietta passo lungo e corto). Per la Giulia dovrebbe essere uguale alla giulietta Passo lungo o sbaglio? Hai qualche riferimento da passarmi dove posso provare a cercare?

    – Alzavetri: Il perno ha una sezione quadrata con un foro passante, ma la mia maniglia ha un foro circolare e quindi e‘ tenuta in posizione da una brugolina che non fa la forza sufficiente e si spanna subito. Ho visto che su e-bay ci sono delle maniglie a sezione dentellata, sono quelle giuste? Se capisco bene sono tenute in posizione da uno spinottino che si infila nel foro del perno e resta in sede grazie alla forza della molla. Corretto?

    Avrei mille altre domande, ma nonvoglio annoiarti (per ora….).

    Ti ringrazio infinitamente dell‘aiuto e ancora complimenti
    Ciao

    Gastone

  23. 24 settembre 2012 1:07 pm

    Ciao Gastone
    benvenuto, grazie dei complimenti e congratulazioni per l’acquisto.
    Sì, di telai capote che ne sono di diversi tipi; la tua è comunque compatibile con la giulietta III serie. Anche i fori della maniglia alzavetro sono di due tipi: tondo a croce e quadrato. Guarda com’è fatto il tuo innesto. Per tutto il resto ti contatto via mail 🙂

  24. impe01 permalink
    20 novembre 2012 11:28 pm

    Ciao Alejandro, mi complimento per gli sviluppi del tuo blog. Possiedo una giulietta spider II serie del 60 e per un periodo, dopo aver iniziato il restauro, ho contribuito a fornire notizie e documenti sul forum del duettoclub.it nella sezione dedicata, poi ho sospeso per varie ragioni. Adesso mi trovo in una situazione di stasi e, purtroppo, di disamoramento verso questa macchina. Le ragioni di questo disamoramento sono molteplici: fruibilità ridotta, soprattutto a seguito della nascita 3 anni fa del mio bambino, prestazioni e affidabilità modeste, risorse economiche non illimitate che devo ripartire tra altri veicoli d’epoca, ma soprattutto stress vissuto nelle fasi di restauro dovuto alla scarsa serietà dei fornitori, meccanici, ricambisti, ecc… In pratica, dopo non belle vicissitudini, finora ho sistemato la meccanica, ma mi manca la parte legata alla carrozzeria. La macchina non si presenta male ed è fruibile (sempre nei grossi limiti che questo mezzo ha, in termini di riscaldamento motore in piena estate, prestazioni, frenata, affidabilità nei lunghi tragitti, ecc.) pertanto non sono incentivato ad inoltrarmi ulteriormente nella conclusione di un restauro che mi condurrebbe a superare di non poco il valore della macchina stessa, soprattutto se mi affido interamente a terzi. Avendo l’auto le targhe originali (Roma 4…) e un aspetto comunque passabile sto oscillando tra la scelta di continuare il restauro fino alla fine o lasciarla così (potendola comunque usare) considerando che comunque il valore tende a salire. Lo “shock ” da restauro già subito deriva essenzialmente dal fatto che, contrariamente a te, non sono nelle condizioni tecniche e manuali di effettuare i lavori, o parte di essi, con le mie mani e che ho dovuto affidarmi ad una serie di personaggi che mi hanno tolto qualche anno di vita, oltre alleggerito le tasche. Di “giuliettisti” ne ho incontrati tanti, ho condiviso uscite, ma alla fine la logica che prevale è quella dell'”ognun per sè” o quella del “la mia è meglio della tua”, piuttosto che quella “ti assisto e aiuto nel restauro”. Sembra che ognuno sia geloso del proprio fornitore o della propria competenza, che si faccia fatica a scambiare informazioni. Cosa che alla fine mi ha stancato. Pertanto adesso mi trovo nella situazione che pur avendo la possibilità di procedere nel restauro non sono affatto convinto che sia la cosa giusta da fare. Soprattutto considerando che non facendolo non ci andrei comunque, almeno a medio o lungo termine, a rimettere, mentre continuando probabilmente ci perderei parecchio denaro, non giustificato da una passione che non ho più. Semplicemente perchè me l’hanno fatta passare i personaggi che girano intorno a questo mercato.

    • 21 novembre 2012 10:45 pm

      Ciao Impe, benvenuto
      sì, certo, ci siamo incrociati in qualche forum. Ho presente il tuo Nikname perché mi ricorda uno dei mostri di Doom3 (ho una solida cultura videoludica 😀 ).

      Ciò che racconti tocca un nervo scoperto in ognuno di noi. Chi, nel corso di un restauro, può dire di non averla presa almeno una volta in quel posto? Purtroppo il circo delle nonnete è pieno di mercenari che, come dici te, minimo ti fan passare la voglia. E anche tra gli alfisti è difficile trovare quella sintonia orientata alla condivisione e alla collaborazione. Cosa vuoi farci, è una questione culturale tutta nostra. Altrove non è così: non è un caso che qui da noi non esista nulla di paragonabile all’AlfaBB. Difficile ma non impossibile, altrimenti avrei anche io appeso il Blog al chiodo: il giro giusto bisogna metterlo su pezzo per pezzo.

      Quanto alla tua II serie – che vorrei tanto vedere una volta – direi di continuare a usarla così com’è, senza disperare in un ‘ritorno di fiamma’ :mrgreen:

      Lo spiderveloce Investigative Division ti contatterà via mail per ulteriori approfondimenti.

  25. mirko permalink
    21 febbraio 2013 10:02 pm

    Ciao Alejandro, complimentoni per il restauro e per il blog.anch’io circa 2 anni fa ho acquistato com mio padre una triumph tr3/a da joop stolze andando in olanda.
    Un viaggio un po come il vostro, unica differenza il viaggio l’abbiamo fatto in aereo.da pochi mesi abbiamo terminato il restauro ed è un capolavoro per me che di auto ne capisco ben poco.Sto trovando grosse difficoltà per immatricolare l’auto, ho girato molte agenzie tra cui l’aci ma con i documenti che ho non ci capiscono molto, e cmq nella mia zona sembra che parlo arabo,sono della prov. di Potenza.Volevo sapere la tua esperienza a tal proposito e che documenti hai fatto e quali ti ha mandato joop, insomma un po come mi devo muovere perché non ci capisco più niente.Grazie in anticipo e ancora complimenti.
    Ciao

    • 27 febbraio 2013 7:41 pm

      Ciao Mirko
      benvenuto e grazie dei complimenti.
      La materia ‘immatricolazione’, come ogni cosa che qui da noi abbia a che fare con pratiche burocratiche, rimane cosa spinosa, per usare una parola garbata. Nonostante la normativa sia cambiata da poco, le variabili sono comunque tante, i buchi non pochi, la disponibilità e operosità degli addetti a risolvere i problemi dell’utente spesso latitante. Presumo tu ti sia già associato a un club federato ASI, che è la prima cosa da fare. E’ proprio al direttivo del tuo club che dovresti chiedere se non esigere indicazioni utili a portare a termine la pratica. Le agenzie, proprio per baypassare il via crucis burocratico spesso offrono soluzioni alternative talvolta un po’ contorte (e dispendiose) ma alla fine efficaci, da provare però solo quando le procedure canoniche siano state sperite senza successo. Prima di gettare la spugna ti suggerisco di insistere con la gente del tuo club, poi semmai ti suggerisco di contattare quelli della Americanspecialist. Ci ho parlato a un paio di fiere e mi sembrano capaci e determinati. Buona fortuna!

  26. mirko permalink
    4 marzo 2013 9:23 pm

    Grazie per il consiglio Ale, ci proverò e speriamo in tempi non troppo lunghi.
    saluti

  27. 22 settembre 2013 5:36 pm

    Alejandro. I am coming to Italy next June. What city are you in and is it possible that we can meet? We go to Genoa, Florence, Milan, Brescia, Turin is our journey. Christopher Boles

  28. 19 ottobre 2013 11:38 am

    Ciao, ti disturbo ancora dopo un po’ di tempo, motorino e dinamo ora sono perfettamente efficienti, ho letto con interesse il tuo articolo su “crick e crock”, sono riuscito a recuperare un crich Giulietta, ma ha l’ingranaggio sulla manovella rotto, volevo sfilare la manovella, ma incotro qualche difficoltà e prima di forzare e causare danni volevo un parere da un esperto. Come si sfila questa manovella. Gli ingranaggi dove li posso recuperare, è necessario per fora cannibalizzare un altro “crock” Giulia o si possono recuperare in altri modo ?

    Ciao e Grazie

  29. 19 ottobre 2013 3:10 pm

    Ciao Massimo

    se l’ingranaggio sulla manovella è rotto puoi benissimo tagliarlo (hai un Dremel o qualche altro ‘lisciacalli’ del genere?). Altrimenti svitol e forza bruta. Se ancora non funzia scaldi la leva con la fiamma ossiacetilenica (occhio a non puntarla sull’ingranaggio buono: è una legaccia).
    Gli ingranaggi puoi ricavarli da qualche crick per fiat (demolitori o anche fiere; si trovano a poco). Ce ne sono di diverse misure, per cui devi beccare quello giusto, oppure, se troppo grandi, addattarli con la molatrice. Un’altra cosa da controllare sono i cuscinetti.
    Fra non molto farò un post sui crick restaurati. Anche crock ormai fa ‘crick’: ne ho portati a nuovo tre per giulietta di cui uno per la mia 🙂

    • 19 ottobre 2013 5:43 pm

      Ciao, dopo aver scritto questo post, mi sono messo d’impegno, e grazie anche alle tue foto sono riuscito a smontarlo perfettamente. Purtroppo gli ingranaggi sono rotti tutti e due. Venerdì prossimo vado alla fiera di Padova, vediamo se trovo un donatore compatibile.
      I cuscinettino è in buove condizioni.
      L’unico piccolo problema è il pomellino (in plastica nera) che è bloccato, adesso gli ho messo dentro un po’ di svitol. ma .. il modo per tolierlo quale è … va, per caso, un po’ scaldato e tirato via ?

      Grazie dell’aiuto

      • 20 ottobre 2013 8:42 pm

        sentiamoci via mail che questo qui c’entra poco 🙂

  30. Michel Vignères permalink
    22 ottobre 2014 2:53 pm

    Alejandro,

    Io sarei a l’ hotele Giotto in padova, ma non sara possibile di avere acesso ai mail

    forse che avete un stand, o possiamo riencontrarsi sulla fiera .
    Sono alla fiera Il Venerdi, sabato e Domenica .

    E possibile di chiamarmi col telefono al

    06 13 19 96 24
    Ho se volete che io telefono, lasciate mi il vostro numero.
    ma se voi avete un posto fisso o qualcuno alla fiera a qui potrei lasciare un messagio, sara cosi quasi semplice di riencontrarvi
    pêr informazione, i numeri della giulietta 1959.
    .
    telaio : 1495 11472
    Motore : AR 00102

    Michel

    • 27 ottobre 2014 12:24 pm

      Scusa Michel,
      a Padova ho sempre un sacco di gente da incontrare e mille cose da fare.
      Ti ricontatto presto via email.

      • michel.vigneres@gmail.com permalink
        30 ottobre 2014 4:20 pm

        si, Padova fiera ci sono tante cose da fare !

        Sono ritornato a casa Lunedi con pezzi di ricambi ( volante , il mio non era il buono ) , maniglia da vetra destra ect…

        Ho preso anche miei primi contatti con vari rifornitori di pezzi di ricambi.

        l’ ambiente era veramente positiva, e il tempo molto bello .Anche Padova é une città magnifica.

        ora, ho incominciato a lavorare sulla machina

        io voglio cambiare la maniglia, ma io non capisco come fare. Ho smontato i bulloni della guarnizione , ma non c’é meso di vedere come separare le tre pezzi della maniglia ! No clips, no bullone , soltanto quatri bulloni ma difficile di accesso che tengono il mecanismo della maniglia completo.

  31. Alessio permalink
    13 dicembre 2014 3:04 pm

    che grandi! e!che 23!!eheh, sono un ex possessore di un Montreal, sempre stato di fianco alla giulietta spider del 62…riverniciata anni fa, biancospino!

  32. 4 giugno 2015 5:37 pm

    Hi Alejandro
    I’m driving my restored 1962 Spider Veloce from the UK to Arpino in August.
    We’ll also spend a few days in Lucca and Levanto.
    Then returning with the car on the train from Livorno.
    If we pass by anywhere near where you are it would be good to compare our cars.
    Kind regards
    Alan

  33. carlo digrandi permalink
    8 dicembre 2015 5:30 pm

    ciao, siete bravissimi guardo il sito tutte le settimane ed e’ un ispirazione visto che sto restaurando una veloce del 1958. Avrei bisogno qualche consiglio come faccio a contattarvi? saluti e grazie carlo

  34. Maurizio permalink
    30 dicembre 2015 11:47 am

    Ciao,
    dopo aver visto l’impresa del viaggio in Olanda non ho potuto non disturbavi.
    Vi disturbo perché nei primi mesi dell’anno sono intenzionato ad affrontare anche io il viaggio verso Joop anche se non per una Alfa ma per una Fiat e necessitavo di alcune informazioni o meglio alcune dritte su cosa mi aspetta.
    Grazie ancora, Maurizio

  35. 17 gennaio 2016 11:11 pm

    Salve Alejandro,
    seguo il tuo blog da parecchi mesi ed ti voglio dire che se ammiro ovviamente le tue competenze tecniche é l’amore e il rispetto che porti a questo marchio che mi fascina.
    Mi ero promesso, una volta in pensione, di vivere le emozioni che tanti hanno provato a guidare queste Alfa degli anni 60/70 e cosi ho comprato una Giulia spider ´64, poi una sprint veloce ´66 e oggi vorrei completare la mia piccola collezione con una bertone 1750 1° serie.
    Ne ho trovato una che purtroppo richiede bastante lavoro che non sono in grado di intraprendere e ti volevo chiedere se tra le tue conoscenze ci sarebbero un carrozziere e un meccanico con la passione e le competenze necessarie a chi mi potrei rivolgere senza farmi dissanguare.
    Vivo in Francia, vicino a Ventimiglia ma sono disposto a spostarmi fino al Centro Italia se necessario. (Sai che non so nemmeno dove ti trovi….!?)
    Penso di andare a Torino a febbraio, se ci sarai anche tu mi farebbe molto piaccere conoscerti in persona. Enzo

  36. waltersieberer permalink
    24 novembre 2016 12:40 pm

    Hello, looking for a passenger seat for a 1958 Spider. / Cerco sedile del passeggero spider 1958. Please email: office@classiccarconsulting.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: