Vai al contenuto

Ripartizione sterzata

19 settembre 2021

Il “problema” al volante – ricorderete – che tale non era, è stato risolto da Andrea Rascioni di Tolentino, mettendo mano alla tiranteria dello sterzo e rifacendo assetto ed equilibratura.

Ci voleva proprio. Appurato che il volante era a posto, ho poi controllato meglio il raggio di sterzata a Dx e a Sx (che avevo valutato un po’ alla leggera) e mi sono accorto che mentre la ruota Sx superava l’angolo ‘normale’, quella a Dx tendeva praticamente al dritto o giù di lì. Il vero problema era sotto.

Ci sta: spostamenti che in fase di rodaggio possono capitare, cui per fortuna si rimedia facilmente. Così, una volta immobilizzato il volante, Andrea ha messo le ruote dritte e aggiustato i tiranti regolabili su entrambi i lati.

Prima di serrare definitivamente però, occorreva collegare le attrezzature specifiche per allineare correttamente la ciclistica e, insomma, rifare da capo l’assetto.

Il sistema di allineamento della Hunter impiegato da Andrea è decisamente all’avanguardia, veloce e del tutto indolore per la delicata verniciatura dei cerchi.

Così, in poco più di mezz’ora e con una spesa irrisoria la giulietta era pronta a scendere dal ponte per un giretto di prova, giretto che per fortuna non ha evidenziato problema di sorta, anzi.

Oltre al volante tronato finalmente dritto, con il nuovo assetto lo sterzo si è notevolmente alleggerito e la sensazione in marchia risulta più confortevole e affidabile.

Un problema meno, risolto, beninteso, prima delle nostre scorribande tra le colline marchigiane. E meno male, perché il prossimo weekend c’è niente meno che la Giornata Nazionale del Veicolo d’Epoca, e noi saremo di nuovo in giro dalle parti di San Ginesio.

Grazie Andrea 😉

Memorial Torquato Sartori

12 settembre 2021

Si è tenuta oggi la prima edizione del Memorial Torquato Sartori, in ricordo del noto avvocato camerte, esperto di montagna e appassionato di motori, scomparso tragicamente nel 2012.

La carovana è partita dall’Abazia di San Claudio in Chienti alla volta di Camerino, per una breve sosta al Vallicenter. Quindi abbiamo proseguito fino a Pioraco, per la seconda sosta sulla stradina che costeggia il sentiero Li Vurgacci.

Infine ci siamo rimessi in macchina per rientrare a Camerino, questo giro verso il centro storico, bellissimo nonostante le ferite inferte dal sisma. Quindi esposizione delle vetture in piazza Cavour, e mentre il buon Dante fa la guardia alle nostre belle, c’è il ristoro degli equipaggi presso il ristorante Noè Errante alla Giudecca.

Colazione, gita e pranzo tutto offerto! Pensate un po’: niente meno che da coloro che meritano da noi tutti l’appoggio e l’aiuto per ricucire le cicatrici e risollevarsi definitivamente dai postumi di quella tragedia. Va a loro, agli organizzatori e agli sponsor, la nostra riconoscenza. Poco ma sicuro ci torneremo, per i paesaggi, per la gente e per l’ottima gastronomia.

A noi invece la galleria fotografica di questa bellissima domenica di settembre.

Mancano le immagini di Camerino, purtroppo andate perdute su una SSD malfunzionante. Pazienza, ma come detto, ci torneremo.

Tolentino Colle Paterno 2021

5 settembre 2021

Siamo appena rientrati dalla 3° rievocazione storica della Tolentino – Colle Paterno, nostra seconda gara di regolarità. E stando ai risultati, questa volta abbiamo fatto grandi progressi 😀

Giornata bellissima, organizzazione impeccabile, gara divertente ma anche impegnativa – almeno per il sottoscritto e moglie navigatrice col burqa 🙂 – fin dal via al Ponte del Diavolo, con ben 7 presostati di fila. 58 gli equipaggi e altrettante bellissime vetture: regina assoluta la GTA n° 43, veterana della corsa da quando si correva veramente, che per quanto possibile abbiamo seguito da vicino.

Certo, a velocità nemmeno col triturbo e l’uragano in poppa, ma la gara era di regolarità e, come detto, questa volta se non altro abbiamo sgambettato la figuraccia. Se alla prima gara ci eravamo piazzati 20° su 27 equipaggi (da brividi, esordio con ignominia), oggi abbiamo spuntato un 16° posto nella classifica assoluta, e le auto erano ben 58. Non male per dei novellini 🙂

Da Tolentino a San Ginesio alle Terme di Santa Lucia ho scattato un bel po’ di foto, premiazioni comprese; ve le lascio nella galleria sotto.

Trovate la Classifica completa nel sito della Scuderia Marche.

Sibillini e Dintorni 2021

29 agosto 2021

Si è chiusa ieri sera con lo spettacolo allo Sferisterio di Macerata la XIII edizione della Sibillini e Dintorni. Causa maltempo è stata sospesa, purtroppo, la rievocazione Storica del circuito della vittoria.

La Giulietta Spider del sottoscritto non ne ha preso parte, non tanto per il problema al volante, e nemmeno per la sua “giovane” età (la manifestazione è specificamente dedicata a vetture anteguerra – ma di imbucate ce n’erano), quanto piuttosto a causa di altri impegni proprio questo fine settimana.

In ogni caso sono riuscito a farci una capatina sabato 28 e così ho scattato qualche foto. Ve le lascio qui sotto raccolte in una piccola galleria.

Vi lascio anche il link al sito della Scuderia Marche, dove potete trovare altre gallerie fotografiche delle precedenti edizioni.

A presto.

Volante girevole

22 agosto 2021

Mi sono accorto che a un certo punto, un po’ alla volta, il volante della mia Giulietta ha incominciato a girarsi in senso orario. Fino al punto in cui, a ruote dritte, le due razze si posizionano in verticale.

E vanno oltre, perché infatti l’orologio non si ferma. La cosa non sembra avere alcuna ripercussione sull’assetto di guida: l’andatura è sempre perfettamente lineare e il volante risponde normalmente; non ci sono vibrazioni, scatti o rumori strani e il raggio di sterzata rimane quello, a dritta e a manca. Insomma lo sterzo funziona perfettamente e man mano che il rodaggio procede l’auto va sempre meglio… e sempre più veloce. Hmmm ecco :-/

Ecco perché, nonostante non ci siano indizi di malfunzionamento, meglio controllare. Sì, perché non è solo scomodo alla guida, ma un volante che fa cose strane potrebbe rivelarsi non sicuro: e se il dado fosse lento? Se la chiavetta fosse saltata via durante l’istallazione? Se… boh, ci fosse un problema che non ci è nemmeno passato per la testa?

Quindi ecco, diamoci un’occhiata. Vi anticipo che non caverò un ragno dal buco – perché il problema si rivelerà altro, e fuori dalla mia portata – ma almeno mi sarò accertato se sta benedetta chiavetta c’è o meno, e con l’occasione vi mostrerò quanto sia facile smontare il volante della giulietta.

Ovviamente, l’attrezzo specifico c’è – ce ne sono anzi almeno un paio utili allo scopo – ma a meno che il vostro volante non sia bloccato lì da 50’anni, non servono. Per prima cosa va tolta la pulsantiera. Anche in questo caso, volendo c’è l’attrezzo di mamma Alfa, ma come prima, basta un giravite a punta larga: inseritelo tra la ghiera clacson e il supporto delle razze e agite molto delicatamente allargando la fessura un po’ alla volta tutto in giro. La ghiera è tenuta ferma da un anello in gomma, quindi cederà liberando i pulsanti e la molla lunga.

Apparirà il fungo in gomma, che è inserito a pressione: svitate i cavi e rimuovetelo (ricordate: rosso sulla piastra, nero in coppa al fungo). A quel punto mani al cric: bisogna allentare e svitare il dado e rimuovere la chiavetta piatta: la misura giusta sarebbe 26 mm ma come da legge di Murphy al momento del bisogno risulta irreperibile; un po’ lenta, ma anche la 27 fa il suo lavoro.

Reggendo il volante con una mano spingete – in senso antiorario ovviamente – con l’altra; il dado cede e possiamo svitarlo, quindi viene via anche la chiavetta piatta.

A quel punto il volante dovrebbe staccarsi. Se ciò non avviene, rimediate un lamierino di alluminio o di ottone, appoggiatelo sulla canna dello sterzo e spingendo verso di voi con le ginocchia sulle razze, date una martellata secca sulla piastra (messa lì per proteggere la filettatura della canna). Ecco, è libero.

Ci siamo: la canna del piantone sterzo è esposta e possiamo verificare che è tutto a posto. La chiavetta (detta volgarmente zeppa) che tiene in posizione il volante sul piantone è lì dove doveva essere: il problema, dunque, è altrove.

Magra consolazione, ma se non altro ci siamo tolto il dubbio. A quanto pare, a muoversi non è il volante ma proprio lo sterzo. O più probabilmente si è incasinata la titanteria sotto. E qui, oltre al fatto che mi mancherebbero gli attrezzi giusti, francamente non saprei che pesci pigliare, quindi non mi rimane che rimontare il volante bello sfasato e correre dagli specialisti.

E incrociamo le dita, perché con la scatola guida di grattacapi avrei già fatto il pieno.

Ferragosto Ride

15 agosto 2021

Per Ferragosto abbiamo preferito allontanarci il più possibile dai soliti siti affollati, mare o montagna che sia. Niente meglio allora di una bella gita dinamica nelle colline marchigiane.

Infatti ci siamo fermati il meno possibile, giusto per il pranzo in famiglia. E non tanto per evitare assembramenti, ma soprattutto perché con temperature che oggi hanno sfiorato i 40°, per la Giulietta – che è ormai a 2/3 del rodaggio – era anche una prova estrema che avrebbe comportato un disperato bisogno di aria, tanta aria, meglio se fresca (si fa per dire) di montagna. Per fortuna è andato tutto bene.

Vi saluto con il classico sorriso che la Giulietta ti dipinge in faccia non appena giri la chiave.

Buon Ferragosto a tutti 🙂

Bye bye ebay

8 agosto 2021

Proprio così, dopo oltre 10 anni di attività sto chiudendo ogni rapporto con ciò che resta di questa piattaforma morente. Ma del suo lento e inesorabile declino mi occuperò più avanti. Per ora vi lascio il resoconto della goccia che ha fatto traboccare il vaso. Spero vi torni utile…

Utile non tanto per evitare di essere truffati dai tanti delincuentelli a pesca nel sito – lì basta un po’ di buon fiuto, non è questo il punto -, quanto da loro stessi, dall’aberrante loro politica, sistematicamente imposta a stravolgere verticalmente il rapporto a favore dell’acquirente, fino alla complicità con i malfattori. Una follia che insieme ad altri recenti e discutibili provvedimenti, che allungano la mano sui conti correnti degli utenti, segnano l’avvio della fase terminale di quel declino di cui si dirà qui in abbondanza e dettaglio.

Ma ora veniamo al punto, anzi la goccia. Ecco, ve lo ricordate il bel volante per Giulia offerto nell’ultimo Mercatino di primavera? Invenduto, andò a finire su evilbay, dove venne acquistato – tra l’altro a buon mercato – da un tizio con un sacco di feedback: vatteafidare! Infatti, sentite cosa mi ha combinato.

Incassato, come al solito imballo l’oggetto con ogni cura e per quel che possa servire ci metto pure, ben visibile su ogni lato, l’etichetta “fragile”. Spedisco il volante con posta internazionale espresso assicurata il 24 maggio e trasmetto il codice di tracciatura.

Passa il tempo tecnico di consegna e anche se non ho modo di verificare realmente lo stato della spedizione (semplicemente perché il sistema usato da ebay per riportare il tracciamento è una barzelletta), rimango fiducioso perché un altro oggetto, spedito qualche giorno dopo sempre in US, figura nella barzelletta come ancora in transito, ma in realtà è già arrivato da un pezzo e ho persino ricevuto il feedback dell’acquirente. Quindi è ragionevole supporre che sia arrivato anche questo. Sbagliato.

Dopo un mese (venerdì 25 giugno) si fa vivo il tizio del volante: protesta perché non l’ha ancora ricevuto e minaccia di chiedere il rimborso. Mi scuso e lo rassicuro sul fatto che mi darò da fare per risolvere il problema. Suggerisco, inoltre di provare a sentire l’ufficio postale di destinazione, perché so per esperienza che capita che i pacchi rimangano bloccati in dogana, a più ragione in tempi di Covid. Non l’avessi mai detto!

Si rifiuta nel modo più assoluto di fare un ben nulla; s’incazza pure 🙂 Pazienza: mi do da fare io. Immediatamente produco tre documenti; oltre al codice di tracciatura, già inviato, gli mando:

  1. Copia della ricevuta allo sportello;
  2. Full tracking report (richiesto al mio sportello lunedì 28);
  3. Copia del formale reclamo indirizzato all’amministrazione postale italiana (il giorno dopo, 29).

Senza perdere tempo ricontatto il compratore e gli anticipo che siamo a un passo dalla soluzione, che dovrebbe arrivare con la risposta alla mia richiesta di info alle poste centrali, il cui responso giunge infatti puntuale e chiarisce che, come avevo supposto, il pacco era bloccato alla dogana di destinazione (e non per motivi imputabili ad anomalie nel contenuto del pacco, ma per semplici formalità doganali).

La dicitura è inequivocabile: “è ferma […] in attesa che il destinatario collabori allo sdoganamento”: basta una telefonata, che però si rifiuta ancora di fare. E allora giusto un po’ di pazienza, finché verrà contattato tramite il (suo) numero di telefono fornito da me: nemmeno questo. Non solo il tizio non collabora, ma fa molto peggio: nonostante le mie rassicurazioni, in barba a tutto il mio lavoro tra PC e sportelli, il luglio – badate bene, di venerdi! – chiede e ottiene il rimborso completo. Il 3 mi appello alla decisione di evilbay, spiego che siamo a un passo dalla soluzione, ma loro se ne sbattono e il 4 confermano che il caso è chiuso. Indovinate un po’ cosa succede martedì 6? Arriva il pacco, come da me anticipato.

A quel punto contatto il servizio clienti e chiedo che con la stessa facilità con cui hanno infilato le mani sul mio conto Paypal, ora, visto che l’oggetto è arrivato, annullassero l’operazione e mi restituissero immediatamente i mie soldi. Mi risponde – anzi non risponde, la spara grossa – una signorina che mi consiglia di mettermi d’accordo con il compratore! Coooosa?! Mettermi d’accordo? E se fosse – come incomincio a sospettare – un truffatore?

Appare subito chiaro che loro non faranno un bel nulla. Quindi invio una fattura pro-forma al compratore: la ignora. Passa una settimana, ne invio un’altra, con aggiunto un messaggio esplicito: o paghi o ti denuncio per truffa. Ignora anche quella ma risponde indignato al mio avvertimento. S’inventa tra l’altro di essere stato fuori città e di aver dovuto pagare un’aggiunta sulle spese di spedizione e quant’altro. I miei sospetti si consolidano: se non è un truffatore poco ci manca. Rispondo a pesci in faccia e chiedo di rimandarmi indietro l’oggetto; invio una terza fattura nel caso fosse rinsavito, la quale verrà parimenti ignorata.

A quel punto segnalo il compratore in odore di truffa dalla pagina della transazione e torno al “servizio” clienti. La segnalazione va a vuoto; il disservizio clienti mi rifila la soluta fuffa, quindi li mando dritto a cagare e contatto i mie legali in USA. Nel frattempo si innesca un botta e risposta con questo gentleman driver, in cui le trova tutte per non pagare: il conflitto si fa più aspro.

Ebbene direte… com’è andata a finire? Non è mica finita, anzi: è passato più di un mese dalla consegna dell’oggetto e il botta e risposta va avanti: non ho avuto indietro né i miei soldi e nemmeno il volante. In compenso, credo di aver capito che non si tratta di una persona disonesta, ma semplicemente di uno dei tanti rincoglioniti in giro (mi accusava di invasione della privacy, dimenticando di essere stato lui stesso a darmi il suo numero), che dev’essersela presa per qualcosa che ho detto e mo’ me la fa pagare 🙂

Bene, anzi male: vediamo come va a finire la storia del volante, ma sono fiducioso. Il punto però è che in questi casi evilbay fa spallucce, se ne lava le mani! Avete capito bene: prima ti mettono le mani in tasca, poi ti dicono arrangiati. Che quello sia o meno un truffatore non ha importanza. Sta di fatto che fanno il gioco dell’acquirente, a oltranza, costi quel che costi, che siano onesti o disonesti poco importa. I venditori, invece, vengono considerati di default potenziali criminali. Basta.

A me la fanno (o ci provano) una volta sola: ho già chiuso la mia pagina come venditore e mi preparo alla guerriglia. Petizioni, boicottaggi e class action contro ebay non si contano: il gigante tiene botta, ma è innegabile che nel tempo ha accusato i colpi; ebbene io porterò i miei 2c, forte di un alleato di ferro: le politiche ottuse messe in atto da loro stessi.

Infatti stanno arrivando tempi duri per questo vivaio di scammers. Dopo il divorzio con Paypal, ora le mani vogliono metterle direttamente sul tuo conto corrente.

E’ i caso di dirlo forte e chiaro: col cazzo!

Bye bye ebay

Motorino avviamento andato

25 luglio 2021

Il motorino di avviamento Magneti Marelli MT40b acquistato a Gambettola insieme alla dinamo ha tirato le cuoia. Così la Giulietta si è fatta un’altra settimana in officina. Nessun dramma: rieccola!

Al momento dell’acquisto l’avevamo testato e funzionava correttamente. A Perugia poi era stato smontato e revisionato. Ma si sa, è roba vecchia, con garanzia scaduta una sessantina d’anni fa, cui capita di rompersi. E quando capita, beh diciamo che il motorino d’avviamento non è precisamente tra i pezzi più semplici da riparare.

Perciò la cosa migliore sarebbe avere a disposizione un pezzo di ricambio pronto, oppure un’officina con una rete di maestranze specializzate in grado effettuare riparazioni affidabili e in tempi ragionevoli. Non scarto la prima opzione ma per ora, avendo trovato chi sa il fatto suo, opto per la seconda.

E’ la Car 2001 di San Severino Marche, che ancora una volta mi sorprende per efficienza e rapidità e, non da ultimo, per la spesa contenuta. Rieccolo riparato e tornato a posto: è stato sostituito indotto, selenoidi, boccole, spazzole, molle e quant’altro. Il motorino è tornato nuovo e si sente.

Infatti, qualche spia di malfunzionamento l’avevo notata nelle settimane precedenti. Sostituita la batteria, fu chiaro che il motorino stava per alzare bandiera bianca. Poi a conferma della diagnosi c’è stato un puntamento, poi ancora il nulla: il circuito interno era completamente andato.

Ebbene non tutti i mali vengono per nuocere: con l’occasione l’abbiamo rifatto nuovo.

Motore 121 Prova al Banco

4 luglio 2021

A richiesta degli interessati ecco un breve video della prova al banco del Motore AR 121 presentato qualche tempo fa in Questo POST.

Il propulsore è stato rettificato e rimontato presso la CAR2001 di San Severino Marche, la stessa officina cui ho affidato il 106 della mia Spider veloce, attualmente in rodaggio senza il minimo problema.

Il 121 è completo di tutti i suoi componenti ed è pronto da montare; viene ceduto con o senza gruppo aspirazione.

Se interessati, contattatemi o rivolgetevi direttamente a Paolo, titolare della Car2001.

Regolarità Marche: prima gara

27 giugno 2021

Prima volta sui presostati per la mia Giulietta (almeno nella sua seconda vita). Prima volta assoluta per me e, come nelle aspettative, abbiamo combinato un disastro. Questo sì, ci siamo divertiti 🙂

Mi sono iscritto a questa prima gara del Campionato Marche, organizzata dal mio club, la Scuderia Marche di Macerata, per pura curiosità. Quindi ci sta: risultato come nelle attese, perché a dirla tutta non avevamo la più pallida idea di cosa fare, zero strumentazione e avversari molto ben preparati, addirittura allenati.

E’ proprio così: non ci si improvvisa regolaristi. E noi, oltre a prendere le prove un po’ (un po’?) sottogamba, abbiamo incominciato a combinare pasticci prima ancora della partenza. Primo errore, da pivelli, sistemare il numero troppo in alto (e pure storto), schermando il flusso d’aria sul radiatore. Ovviamente, con il caldo boia che faceva la Giulietta incominciò subito a scaldare.

Errore tutto mio a dire il vero, perché la navigatrice – le foto non mentono – era fin da subito concentrata a studiare il percorso, a simulare gli intertempi etc. – sul telefonino, ha dichiarato 😀

In ogni caso è bastato risistemare il plasticato, una breve sosta all’ombra a cofano aperto e tutto è tornato alla normalità.

Insomma abbiamo totalizzato 3620 penalità, che a coefficiente si sono trasformate in “sole” 2263 nette. Quanto basta per posizionarci 20° su 27 macchine: risultato a dir poco deludente. Non così il bilancio della giornata, che è stata molto piacevole e si è conclusa con la cena e le premiazioni al ristorante La Foresteria dell’Abbadia di Fiastra.

Vi lascio una piccola galleria delle auto più interessanti in gara.

Congratulazioni ai vincitori di questa prima prova di campionato e grazie agli organizzatori della Scuderia Marche.